Libretti, in questo caso Poste può chiudere il conto all’improvviso

Se avete sottoscritto una delle formule di risparmio dei libretti di Poste Italiane è bene leggere tutte le clausole e sapere se e in quali circostanze Poste può chiudere il vostro libretto

libretto poste chiusura
Libretti di Poste Italiane (foto Youtube)

Come ogni prodotto bancario, anche il libretto Smart emesso da Poste è soggetto a un contratto in cui sono espressi tutti gli obblighi e i diritti di chi apre il libretto ma anche di Poste stessa. E anche i casi in cui il libretto può essere chiuso da parte di Poste senza che voi possiate effettivamente farci qualcosa.

In qualità di correntisti avete comunque dei diritti che potete esercitare e vedremo anche quali sono questi diritti e cosa potete fare.

Libretti aperti con Poste, quando potrebbero chiuderveli?

Libretti di Poste Italiane
Libretti di Poste Italiane (foto Adobe)

C’è da fare una doverosa premessa. Poste Italiane non ha interesse a chiudere casualmente i libretti dei propri correntisti ma, come stabilito dal contratto che sottoscrivete nel momento in cui decidete di affidare i vostri soldi a questa forma di risparmio, ci sono alcune circostanze in cui la società con cui stipulate il contratto potrebbe decidere di modificare il contratto in maniera unilaterale.

Leggi anche: Chiudere la Postepay (in questo caso) si paga

L’articolo specifico del contratto che si sottoscrive all’apertura di un Libretto Smart e che riguarda anche l’ipotesi di chiusura del libretto stesso è l’articolo 21 : “Modifica unilaterale delle condizioni contrattuali“. Nell’articolo si chiarisce che “in presenza di un giustificato motivo” il contratto può essere modificato unilateralmente “anche in senso sfavorevole al Titolare” del libretto.

Questo significa che le condizioni contrattuali possono cambiare, potrebbero aumentare i costi di gestioni o essere inseriti nuovi limiti o il conto potrebbe essere portato a chiusura.

Leggi anche: Superbonus, ecco dopo quanti anni l’Agenzia può fare ancora controlli

Qualunque modifica di questo tipo viene comunque comunicata con un preavviso non inferiore a due mesi rispetto alla data in cui le modifiche eventuali ai contratti dei Libretti emessi da Poste entreranno effettivamente in vigore e in qualità di titolare del libretto avete tempo e modo di recedere dal contratto senza spese e spostare, quindi, i vostri risparmi su un altro prodotto di Poste o di un istituto bancario. Tenete presente che se ignorate le comunicazioni, allo scadere dei due mesi le eventuali modifiche al contratto diventeranno effettive.