Dichiarazione imposta di soggiorno, rinviata la scadenza: la data

Il decreto appena approvato proroga la dichiarazione dell’imposta di soggiorno riferita agli anni 2020 e 2021. Ecco il termine per versare

Dichiarazione imposta di soggiorno, rinviata la scadenza: la data
Dichiarazione imposta di registro (Foto Pixabay)

Il Decreto Semplificazioni appena approvato dal Governo avrà lo scopo di snellire, o al più di accorpare i lati ridondanti presenti nelle prassi di accesso alle misure economiche di sostegno e nel pagamento relativo a tasse e imposte. Tale intento nasce dall’esperienza burocratica generata dalla riapertura post-Covid, nell’ambito della quale si sono manifestati i provvedimenti che oggi vengono parzialmente rivisti.

Come si è già avuto modo di parlare, il Decreto ha rivisto alcuni aspetti concernenti le soglie dei termini per accedere ai sostegni quali l’Assegno Unico e altri bonus, o come irrigidendo gli obiettivi del Reddito di Cittadinanza. Tanti altri ambiti sono stati sottoposti a revisione; questi cambiamenti sono stati dunque confermati e trasformati in testo di legge. Tra questi ultimi, sono incluse alcune novità sulla Dichiarazione dell’imposta di soggiorno.

Dichiarazione imposta di soggiorno, prorogati i termini della presentazione

Dichiarazione imposta di soggiorno, rinviata la scadenza: la data
Dichiarazione imposta di registro (Foto Pixabay)

Nel capitolo Fisco del Decreto Semplificazione, sono state definite alcune proroghe a beneficio di professionisti e contribuenti. La novità coinvolge anche la cosiddetta Dichiarazione dell’imposta di soggiorno. Sul proprio sito internet il MEF informa della nuova versione per inviare la dichiarazione, disponibile nella sezione “Fiscalità regionale e locale  – Dichiarazione telematica imposta di soggiorno”.

Leggi anche: Le cartelle esattoriali possono comprendere anche le bollette?

L’Agenzia delle Entrate, dal canto suo, ha reso disponibile l’apposito modulo di controllo, adeguato alla suddetta versione. L’invio era previsto per il 30 giugno; con l’approvazione del decreto, è stata la data di scadenza è stata prorogata al 30 settembre 2022. La dichiarazione dell’imposta di soggiorno da inoltrare telematicamente riguarderà gli anni di imposta 2020 e 2021.

Leggi anche: Assegno unico INPS: quali genitori non lo riceveranno

Contestualmente sono stati modificati il modello di dichiarazione e le istruzioni. La dichiarazione deve essere presentata esclusivamente per via telematica da parte del soggetto gestore della struttura ricettiva, altrimenti dal dichiarante diverso dal gestore. Per quanto attiene le locazioni brevi, relative a immobili ad uso abitativo di durata non superiore a 30 giorni condotte al di fuori dell’attività di impresa, la dichiarazione è a carico del soggetto che incassa il canone. In caso di parziale o fallace presentazione, il responsabile sarà tenuto al pagamento di una sanzione amministrativa pari al 100, e fino al 200 per cento dell’importo dovuto.