Allarme conto corrente, avviso Intesa Sanpaolo ai clienti

Come altre banche, anche Intesa SanPaolo allerta i clienti sulla nuova truffa svuota-conto che sta avendo rapida diffusione. Come funziona

Allarme conto corrente, avviso Intesa Sanpaolo ai clienti
Intesa SanPaolo (Foto Adobe)

La tecnologia mette a disposizione intorno a noi sempre più dispositivi: ci accompagnano, ci avvolgono, spesso ci precedono nella nostra comunicazione. Mentre siamo assistiti da queste “protesi”, i linguaggi dei protocolli che gestiscono l’interazione con l’utente aumentano, si rendono più complessi sotto l’apparente veste dell’uniformità. Posta una crepa alla barriera della nostra riservatezza, i canali si moltiplicano con l’intento su agganciarsi alle informazioni personali da elaborare.

Tutto ciò avviene per rendere “migliore” ed efficiente un servizio; dal lato umano, non si può che riporre una fiducia in bianco. Paradossalmente, è più semplice parlare di ciò che manifesta un comportamento visibilmente esplicito –  nonostante la supposta maschera: le truffe “2.0” nate sotto l’insegna della virtualità, che infettano i sistemi su cui si appoggiano le persone per preservare le proprie finanze e, insieme, i dati personali necessari per un riconoscimento univoco dell’identità.

Allarme conto corrente, attenzione alle richieste di pagamento via telefono

Allarme conto corrente, avviso Intesa Sanpaolo ai clienti
Sede Intesa SanPaolo (Foto Adobe)

ll progressivo trasferimento dei servizi effettuati in prima persona – nella fattispecie – presso gli istituti di credito sulle piattaforme informatiche, aumentando l’autonomia di azione del cliente, ha coinciso con l’incremento delle frodi informatiche, quali innovative teste d’ariete per penetrare nella privacy di utenti e nei loro conti correnti. Il cosiddetto phishing che tanto contamina le nostre caselle di posta elettronica rappresenta uno degli strumenti illegali più efficaci per violare i codici di accesso agli IBAN e ai profili account.

Leggi anche: Scatta il processo per truffa: “L’auto te la paghiamo noi…”

Dalle sezioni relative i dettagli del cliente, non si ricavano soltanto informazioni sulle coordinate bancarie, ma anche tutto quanto possa svelare dettagliatamente il profilo di una persona: residenza, recapiti telefonici, data di nascita, codice fiscale ecc. In questo contesto, uno degli istituti di credito più attivi sul fronte della tutela dei clienti è Intesa SanPaolo, la quale più volte ha segnalato le incursioni dei malviventi nascosti dietro la parvente di un ente riconosciuto e affidabile, tramite frodi al telefonomalwarefrode via sms.

Leggi anche: Conto corrente, ecco perché conviene averne due

L’ultima, illegale novità posta all’attenzione dei suoi correntisti si chiama la truffa dello storno. Essa consiste nella chiamata di un presunto operatore, il quale, scusandosi per un addebito non dovuto sul conto, chiede al cliente di seguire le istruzioni per lo storno dell’importo, riaccreditandolo. Il cliente viene invitato ad operare tramite l’app della banca, autorizzando un versamento su una carta prepagata intestata ai malviventi. Intesa SanPaolo sottolinea che la banca non contatta mai i suoi clienti per attivare telefonicamente  dei mandati di pagamento. Pertanto, coloro che vengono raggiunti da queste richieste vengono sensibilizzati ad avvisare la banca.

Impostazioni privacy