Canone Rai, chi non supera gli 8mila euro annui deve pagarlo?

Il pagamento del canone Rai continua ad essere al centro del dibattito soprattutto adesso che c’è la possibilità molto concreta che venga eliminato dalla bolletta dell’energia elettrica. Ma qual è la soglia di reddito per cui si viene esentati?

Canone Rai
Canone Rai (Foto Adobe)

I cittadini italiani hanno un rapporto molto conflittuale con il canone Rai, che in realtà dovremmo chiamare canone TV, dato che solo una piccola parte di quello che paghiamo ogni anno viene effettivamente utilizzato dalle casse della Rai mentre lo scopo principale di questo balzello è mantenere in piedi tutta l’infrastruttura che viene utilizzata da tutte le emittenti.

Come per ogni tassa, però, ci sono alcune situazioni in cui il pagamento del canone non è dovuto. Esistono per esempio alcune categorie di cittadini che non devono pagarlo. Sono esentati i diplomatici stranieri che lavorano in Italia così come i militari di altri Paesi che sono di stanza da noi. Ma ci sono anche alcune esenzioni in base al reddito. Vediamo qual è la soglia sotto la quale si può chiedere l’esenzione.

Canone Rai, come funziona l’esenzione a 8mila euro di reddit?

Canone Rai
Canone Rai (Foto Adobe)

Esaminando le FAQ presenti sul sito di Agenzia delle Entrate possiamo chiarire facilmente come richiedere l’esenzione e a partire da quale soglia minima di reddito. Una prima indicazione è quella che la soglia degli 8mila euro è la soglia massima di reddito annuo sotto la quale si può chiedere l’esenzione.

Leggi anche: Conto corrente, chiusura forzata: quando può scattare

In realtà l’esenzione per gli 8mila euro di reddito non può scattare per tutti i cittadini. Si tratta infatti di un requisito che deve essere posseduto congiuntamente, quindi contemporaneamente, ad un altro requisito. Un requisito che riguarda l’età anagrafica. Sono infatti esentati dal pagamento del canone Rai tutti quei cittadini che oltre a non avere un reddito annuo superiore agli 8mila euro, hanno compiuto 75 anni di età e non convivono con altri titolari di reddito proprio. A questa situazione fanno eccezione le eventuali persone che si occupano dell’assistenza domiciliare continuativa dell’anziano.

Leggi anche: Bollo auto, scattano i controlli su queste auto: chi rischia

Per poter avere l’esenzione occorre presentare ogni anno, entro i termini, una dichiarazione sostitutiva. Questo perché di anno in anno possono cambiare le condizioni in cui il contribuente che chiede l’esenzione si trova. Se per esempio il contribuente che ha chiesto l’esenzione si trasferisci a vivere con altri membri della propria famiglia il reddito di questa famiglia è superiore alla soglia minina, il pagamento del canone Rai diventa obbligatorio.