Bolletta luce, gli errori che ci fanno spendere più del dovuto

Adottando alcune semplici abitudini e sostituendone altre, si può produrre un notevole risparmio sulla corrente di casa. Ecco come

Bolletta luce, gli errori che ci fanno spendere più del dovuto
Lavatrice (Foto Pixabay)

Innanzitutto, a censire il numero dei dispositivi di piccole e grandi dimensioni collegati alla rete elettrica di casa, ci accorgiamo di quante funzioni per la gestione domestica (e del nostro intrattenimento) siano dipendenti dal consumo di luce. Sommando a ciò gli endemici rincari delle bollette, tutto questo si traduce all’anno in un significativo alleggerimento del nostro portafoglio.

Come spesso capita, la soluzione è da ricercare (e la si scopre) nel problema stesso: unanimemente associamo il consumo della corrente elettrica alle nostre abitudini; pertanto, bisogna partire da esse per costruire una campagna domestica di risparmio, riconvertendo quelle stesse abitudini (magari imponendoci) in gesti di consumo critico aderenti all’effettivo utilizzo dei nostri apparecchi. Non dovremo così attendere molto per avere una boccata d’ossigeno sulle bollette.

Consumo corrente: ecco qualche trucco per risparmiare 

Bolletta luce, gli errori che ci fanno spendere più del dovuto
Consumo di corrente elettrica (Foto Pixabay)

Nella realtà dei fatti, la maggior parte dei nostri dispositivi è collegata alla presa della corrente in perfetto stato di inutilizzo. Non ce ne rendiamo conto della gamma in stand-by o a riposo che continua a succhiare energia: TV, computer, oppure lavatrici e microonde. Analogamente sono delle idrovore per le nostre finanze.

È sufficiente che il dispositivo sia dotato di una spia luminosa e che rimanga tale permanentemente per avere contezza di un oggettivo consumo che si traduce in spreco, in primis, di risorse, ma ovviamente dovremmo domandarci quanto denaro venga disperso a nostra insaputa. Parliamo di una circostanza estremamente comune, appartenendo un po’ tutti all’era dei caricabatteria.

Leggi anche: Mascherine Ffp2 obbligatorie qui: scattano i controlli

La rivelazione, poi, arriva puntuale con la bolletta. Dunque, quali alternative possiamo offrire al nostro ambiente domestico? Possiamo dotarci di una buona multipresa, sulla quale collegare dispositivi ed elettrodomestici: grazie all’interruttore, possiamo spegnere questi ultimi nello stesso momento, senza lasciarli in stand-by. Il caricabatterie, invece, va scollegato dalla presa dopo l’utilizzo e non va tenuto in funzione durante la notte.

Leggi anche: Postepay: così puoi ottenere 300 euro al mese

Avremo sorprese positive ottenendo il massimo rendimento dalla lavatrice a pieno carico e con un lavaggio a 30° (anche i tessuti, in questo modo, non si danneggeranno); impostiamo la modalità “Eco” là dove è prevista e utilizziamo l’asciugatrice solo quando davvero serve. In cucina, la pentola a pressione riduce i consumi rispetto alla normale pentola; e il forno, se in modalità ventilata, non dissipa un terzo dell’energia normalmente impiegata.