ZTL auto, come capire se è attiva o meno nelle città

La zona ztl corrisponde al traffico limitato. Se si entra senza autorizzazione, si rischia una multa salata. Come prevenirla

varco ztl
(pixabay)

La ZTL, ovvero la zona a traffico limitato, è di acquisizione relativamente recente nelle città italiane. Per controllare il traffico e lo smog nei centri storici delle città, le varie amministrazioni locali hanno stabilito, seguendo le linee guida del Ministero dei Trasporti, delle aree cittadine o metropolitane il cui accesso, in determinati giorni o orari è interdetto alla maggior parte delle categorie.

Chi conosce bene una città è al corrente anche delle regole, comprese le zone a traffico limitato. Ma per chi viene da fuori può essere un problema e si possono rischiare multe salate, specie nelle città in cui in prossimità dei varchi sono posizionate delle telecamere. Per ovviare queste problematiche con relativi ricorsi da trattare, nel 2019 il Ministero ha introdotto delle precise linee guida sulla ZTL.

ZTL auto, come evitare le multe

Multa stradale
Multa stradale (Foto Adobe)

Il Ministero dei trasporti ha specificato che in prossimità dei varchi ZTL, l’accesso a traffico limitato deve essere adeguatamente segnalato, sia da scritte che da segnaletiche grafiche. Nel caso poi in cui queste fasce orarie siano anche notturne è obbligatoria la segnalazione luminosa. Inoltre è obbligatorio fornire all’automobilista sprovvisto di autorizzazione una via d’uscita davanti al varco, per evitare la multa senza infrangere il Codice della Strada.

Leggi anche: Benzina, gli interventi previsti per abbassare i prezzi

Anche perché gli orari delle ZTL variano da città a città, ed anche all’interno della città stessa nei vari periodi dell’anno possono essere differenti. Ad esempio di solito vengono ampliate sotto le festività natalizie e ridotte nei mesi estivi, dove il traffico locale diminuisce. Le amministrazioni locali che vogliono utilizzare la telecamera la devono opportunatamente segnalare.

Leggi anche: “Benzina gratis”. Dilaga questo trucco, ma è illegale

Gli automobilisti disabili con certificazione esposta sul cruscotto possono sempre accedere alle zone a traffico limitato. Queste le linee guida del Mit. Gli automobilisti, da parte loro, devono stare attenti alle segnalazioni, specialmente agli orari indicati delle zone a traffico limitato. Così eviteranno le multe.