Pensioni aprile, servirà ancora il Green pass in Posta?

Approvato il nuovo decreto per la lotta alla pandemia da parte del Consiglio dei Ministri. Novità per l’ingresso negli uffici pubblici

Poste Italiane
Green Pass (Foto: Adobe)

Approvato in Consiglio dei Ministri il nuovo decreto che aggiorna le norme da rispettare per il contrasto alla pandemia. Confermato quanto ampiamente anticipato circa l’alleggerimento delle restrizioni. La quarta ondata è quasi definitivamente superata cn terapie intensive e reparti che gradualmente si svuotano da diverse settimane.

Inoltre, la fine della quarta ondata coincide con il clima favorevole verso il quale si appresta ad andare l’Italia. Le temperature più alte favoriscono una maggiore vita sociale all’aperto che non aiuta il virus a diffondersi. L’estate ha già dato prova di essere un periodo negativo per il Covid-19.

Poste e green pass, cosa accade dal 1 aprile

poste sportello
Poste (pixabay)

Cambiano, così, molte regole a partire dal 1 aprile. Questa data non è casuale ma coincide con l’addio allo stato di emergenza nazionale dovuto alla pandemia. Resta in vigore, invece, per il conflitto in Ucraina che vede coinvolta indirettamente anche l’Italia. Nonostante la scadenza dello stato di emergenza dopo due anni, è stata confermata la linea della gradualità dell’allentamento delle restrizioni.

Leggi anche: Modello 730, come ottenere il rimborso mascherine Ffp2

Tuttavia, dal 1 aprile sono tante le novità. Tra queste rileva l’utilizzo del green pass negli uffici pubblici, in particolare nelle Poste. Dal 1 aprile, infatti, non sarà più obbligatorio essere in possesso del certificato verde per entrare negli uffici postali. Un passo avanti notevole nella lotta alla pandemia sottolineato anche dal Premier.

Leggi anche: Agenzia delle Entrate, multe ai non vaccinati: i dettagli

Queste le parole del presidente del consiglio anticipando le nuove norme anti-covid: “Voglio ringraziare anche tutti gli italiani per l’altruismo, la pazienza dimostrata in questi anni. Noi siamo spesso percepiti con scarso senso civico e invece siamo stati bravissimi in questa pandemia, occorre andare fieri”, ha sottolineato Draghi.