“Anomalia sul conto”. Postepay, l’sms sta arrivando a molti

Ennesimo tentativo di truffa messo in campo da malintenzionati ai danni dei clienti di Postepay e Poste Italiane

Postepay
Postepay (Foto dal profilo Facebook)

Le truffe in Italia sono ormai all’ordine del giorno. Tantissimi cittadini sono vittime di tentativi fraudolenti da parte di persone che tentano di rubare denaro o l’identità digitale con lo scopo di intestarsi bonifici o svotare il conto postale o bancario del malcapitato.

Tra le aziende più bersagliate dai truffatori con il metodo del phishing, una particolare tipologia di truffa realizzata sulla rete Internet attraverso l’inganno degli utenti, c’è sicuramente Poste Italiane. I servizi di Poste sono infatti tra i preferiti dagli italiani e quindi maggiori utenti significa, per i truffatori, trarre in inganno più persone possibili.

Postepay, nuova truffa via Sms

É in circolazione un nuovo SMS PosteInfo che rischia di far cadere in trappola nuove vittime. Ovviamente Poste Italiane, lo ribadiamo, non ha naturalmente nulla a che fare con questa truffa. Il nuovo SMS PosteInfo contiene un contenuto del tutto nuovo che allerta i clienti su una anomalia sul proprio conto. L’SMS contiene anche un link dove cliccare per risolvere l’anomalia.

Leggi anche: “Errori sulle pensioni”: caos INPS, cosa sta succedendo

Non bisogna assolutamente cliccare sul link che si trova all’interno dell’SMS dal momento che si tratta di un vero e proprio tentativo di phishing. Il link ipertestuale, infatti, aprirà una pagina falsa creata dai truffatori che somiglia a quella di Poste Italiane ma che, di fatto, non lo è. La truffa avviene nel momento in cui l’ignaro cliente compila i dati su questa pagina dal momento che si tratta di pagine create per rubare i dati personali e svuotare i conti.

Leggi anche: Spid, ecco come effettuare la delega per i figli minorenni

Una volta entrati in possesso di nome utente e password dei clienti gli hacker potrebbero eseguire operazioni non autorizzate. Tra quelle più frequenti ci sono bonifici o, nei casi peggiori, lo svuotamento del conto corrente dell’ignara vittima della truffa. Il consiglio, quindi, è di ignorare questa tipologia di SMS e di non cliccare su nessun link ipertestuale.