Green Pass, ecco quando la scadenza passerà da 9 a 6 mesi

Non solo l’obbligo di munirsi del Green Pass. Il Covid-19 ridefinisce le scadenze su copertura vaccinale e richiami

vaccino covid
(pixabay)

Il Green Pass costituisce una vera e propria chiave di accesso alla vita quotidiana. Dobbiamo considerarlo, per fortuna o purtroppo, uno strumento indispensabile per raggiungere i luoghi di lavoro, la scuola, l’università, le strutture sanitarie, o semplicemente ristoranti e alberghi.

Il tempo libero, le attività culturali e sportive sono in egual misura vincolate da questo strumento che regola la partecipazione e gli spazi. Ovviamente le continue variazioni della situazione pandemica ha condizionato le decisioni dei governi non solo sul piano della fascia della popolazione coinvolta nelle politiche vaccinali, ma anche nella durata dei richiami.

Validità del green pass, la modifica 

green pass negozi
(pixabay)

In Italia la durata di validità della Certificazione verde COVID-19 è maggiore che negli altri Stati Membri dell’UE. Tuttavia, dall’1 febbraio 2022 la durata del green pass da vaccinazione (completamento del ciclo primario e dose di richiamo) sarà ulteriormente ridotta da 9 a 6 mesi. Anche il green pass da guarigione post vaccinazione è sottoposto alla stessa riduzione.

Il documento avrà una validità pari a 6 mesi dalla data di inizio validità indicata sul certificato di guarigione. Il certificato COVID digitale dell’UE (EU Digital COVID Certificate – EUDCC), rilasciato successivamente alla guarigione da un’infezione da SARS-CoV-2, è stata stabilita dal Regolamento (UE) 2021/953 del 14 giugno 2021 in 180 giorni dalla data di effettuazione del primo test molecolare risultato positivo.

Leggi anche: Mascherina Ffp2 sulla chirurgica? Un errore: ecco perché

Tale normativa, applicata in tutti gli Stati Membri dell’UE, riporta la data di fine validità indicata nella certificazione, riferita alla scadenza nel resto dell’Unione europea, ma in Italia resterà valida fino allo scadere dei 6 mesi dalla vaccinazione o dalla guarigione.

Leggi anche: Rimborso tamponi e mascherine: ecco come ottenerlo

Come per la “seconda dose”, le nuove Certificazioni per “terza dose” (anche dette dose “booster” o “richiamo”) e per la “seconda dose” nel caso di vaccino Janssen (Johnson & Johnson) emesse entro 48 ore dalla vaccinazione, hanno attualmente la validità di 9 mesi dalla data della somministrazione, ma anche per esse, dal 1° febbraio 2022, la durata sarà ridotta a 6 mesi.