Poste italiane, buoni fruttiferi: quali conviene scegliere?

I buoni fruttiferi sono un investimento caro agli italiani per molti motivi. Ma ne esistono di più tipo: quale conviene scegliere in prospettiva futura? 

libretti postali
Poste Italiane (Foto Adobe)

I buoni fruttiferi sono dei titoli emessi da Cassa Depositi e Prestiti, e funzionano più o meno come delle obbligazioni. Essendo emessi dallo Stato tramite Cdp e collocati sul mercato da Poste Italiane, sono degli investimenti molto sicuri.

Inoltre, non esiste nessun costo di sottoscrizione e neanche un costo di rimborso, tranne per eventuali oneri fiscali. Ne esistono di due tipi: cartacei e dematerializzati. I migliori sono quelli del secondo tipo. Ma perché è così? Vediamo in dettaglio.

Buoni fruttiferi dematerializzati: perché sceglierli

Poste Italiane
Poste Italiane (Foto Adobe)

Per quanto riguarda i buoni fruttiferi cartacei, chi sottoscrive questo tipo di titoli deve recarsi presso gli uffici postali per richiedere il rimborso a scadenza o in anticipo. Questo tipo di operazione deve avvenire entro 10 anni, altrimenti si rischia la prescrizione: il titolo sarà nullo e si perderà il rimborso. Inoltre, essendo fisici, questi buoni devono essere conservati da chi li sottoscrive, perderli equivale a perdere soldi.

Leggi anche: Giacenza media Poste: cosa fare con conti estinti da poco?

Invece, i buoni fruttiferi dematerializzati conservano un vantaggio. I buoni fruttiferi dematerializzati sono delle scritture contabili effettuate sul conto di regolamento che può essere il semplice conto corrente BancoPosta o il libretto di risparmio postale. La differenza sta nel rischio di non essere rimborsati: con quelli dematerializzati è impossibile.

Leggi anche: Agenzia delle Entrate: pioggia di avvisi fiscali in arrivo. Chi riguarda 

Infatti, il rimborso del titolo viene accreditato sul conto di regolamento che quindi non può essere estinto se c’è un buono in essere. Con i buoni fruttiferi dematerializzati, quindi, non si rischia la prescrizione. Per quelli fisici, invece, per non incorrere nella prescrizione del diritto di rimborso bisogna recarsi entro 10 anni in una delle sedi autorizzate per vedersi rimborsati tali tipi di buoni fruttiferi.