Obbligo vaccinale over 50: cosa succede a chi si oppone?

Stretta in Italia nel 2022: scatta infatti l’obbligo vaccinale per gli over 50. Ma cosa accade a chi, nonostante tale direttiva, deciderà di non immunizzarsi? 

vaccino
Vaccino (©Getty Images)

Clamorosa svolta in Italia con l’arrivo del nuovo 2022: arriva infatti l’obbligo vaccinale per gli over 50. La decisione giunge a margine del consiglio dei ministri tenutosi inserita e che ha visto l’approvazione del decreto con voti all’unanimità. Considerando un’allarmante risalita dei contagi con un’Italia che rischia nuovamente la paralisi, il governo ha deciso di prendere una decisione forte per provare a sbloccare la situazione e avviarsi verso la fine di un incubo.

La decisione giunge per tutelare la salute pubblica e per i seguenti motivi che si leggono dalla bozza del decreto: “mantenere adeguate condizioni di sicurezza nell’erogazione delle prestazioni di cura e assistenza, l’obbligo vaccinale per la prevenzione dell’infezione da SARS-CoV-2, di cui all’articolo 3-ter, si applica ai cittadini italiani e di altri Stati membri dell’Unione europea residenti nel territorio dello Stato, nonché ai cittadini stranieri, che abbiano compiuto il cinquantesimo anno di età”.

Obbligo vaccinale, eccezioni e conseguenze 

vaccino
(Pixabay)

L’obbligo scatta dal prossimo 15 febbraio e si estenderà fino al prossimo 15 giugno. Vi saranno eccezioni solo e unicamente per una determinata categoria. Ovvero coloro che presentano specifiche condizioni cliniche documentate, attestate dal medico di medicina generale o dal medico vaccinatore, nel rispetto delle circolari del Ministero della salute in materia di esenzione dalla vaccinazione anti SARS-CoV-2″. 

Leggi anche: Reddito di Cittadinanza, pagamento gennaio: cambia la data

Leggi anche: Postepay, come ottenere la giacenza media da casa: niente fila

Ma cosa succederà a chi, nonostante la legge, deciderà di non immunizzarsi? Per questi è prevista una multa che va dai 600 ai 1.500 euro e “restano ferme le conseguenze disciplinari secondo i rispettivi ordinamenti di settore”, si legge nel testo. Dunque non solo l’esclusione totale o quasi dalla società, ma anche una pena pecuniaria e soprattutto seri problemi giuridici che comporteranno non pochi problemi all’eventuale interessato di turno.