Vecchi smartphone, da gennaio questi modelli non funzioneranno più

Il 4 gennaio sarà una data di addio per alcuni modelli di smartphone che non potranno più essere utilizzati

black barry addio
Pixabay

La tecnologia è utile e affascinante ma nello stesso tempo volatile. Le innovazioni dovute alla ricerca viaggiano spedite al punto che l’obsolescenza è diventata ciclica e frequente per determinati prodotti come ad esempio gli smartphone. Proprio per i telefonini dal 4 gennaio bisognerà dire addio ai modelli di un marchio che fino a qualche anno fa era in cima alle scelte di tante aziende soprattutto.

Addio ai BlackBarry

black barry addio
BlackBarry

Si tratta dei BlackBarry che verso la metà dei primi anni 2000 sono andati molto forte. Gli smartphone di questo marchio erano diventati la prima scelta di molte aziende per i propri dipendenti o collaboratori grazie alle funzionalità che offrivano. In particolare, la tastiera incorporata in un palmo della mano fu una vera rivoluzione per l’epoca. La società canadese ha confermato la decisione in una nota:

Leggi anche: Bancomat: con questo errore la carta viene inghiottita

“I servizi legacy di BlackBerry 7.1 OS e dei precedenti, come per BlackBerry 10, BlackBerry PlayBook OS 2.1 e le precedenti, non saranno ulteriormente disponibili a partire dal 4 gennaio 2022”. Inoltre, l’azienda ha specificato che ci sarà un problema di funzionamento oltre che di disponibilità per i suddetti modelli: “A partire da questa data, i dispositivi con questi servizi e software legacy con connessioni (Wi-Fi e degli operatori) non saranno più affidabili per quel che riguarda il funzionamento, con il tutto che vale per dati, chiamate, Sms e numeri di emergenza”.

Leggi anche: Superenalotto, calendario estrazioni: il prossimo concorso

I suddetti modelli perderanno i servizi di legacy. Il che significa che non saranno più assicurati servizi ormai essenziali per un telefono come connessione dati, le chiamate, gli Sms e le chiamate di emergenza. A mandare in crisi i Black Barry sono stati i touch screen che, di fatto, hanno messo in soffitta quello che era il cavallo di battaglia dei telefonini canadesi, la tastiera.