Addio alle palle di Mozart: non si potrà più mangiare, il motivo

L’azienda che produce i famosi cioccolatini viennesi verso la bancarotta. Troppi debiti per andare avanti

foto fromaustria.com

L’economia sembra essersi ripresa guardando il Pil. Il Prodotto Interno Lordo in tutti i paesi dove i vaccini hanno salvaguardato le attività è in risalita. Tra l’altro, l’Italia è il paese che viaggia con una ripresa più forte. Tuttavia, il Pil indica la ricchezza prodotta da un paese ma non è sempre un indicatore esauriente della situazione economica reale. Il fatto che cresca la ricchezza, infatti, non significa che tutto vada bene e che in ogni settore ci sia crescita.

Addio alle palle di Mozart

foto piccantino

E così, mentre il Pil avanza ci sono anche realtà che si avviano alla chiusura, o mettono il personale in cassa integrazione per evitare situazioni peggiori sotto il profilo finanziario. Tra le realtà che stanno per chiudere i battenti c’è anche l’azienda produttrice del famoso cioccolatino viennese. Si tratta della Mirabell, produttrice delle note palle di Mozart. Stando a quanto riferisce il Corriere della sera, l’azienda ha portato le carte in tribunale.

Leggi anche: Come funziona Yuka, l’app che aiuta a fare la spesa

Il tribunale di Salisburgo, infatti, ha aperto la procedura fallimentare nei confronti dell’azienda. Molti golosi e tanti turisti che si troveranno a visitare l’elegante Vienna non potranno più provare il cioccolatino icona della capitale austriaca. Vienna è nota per i dolci. Sono tanti gli storici caffè e pasticceria che offrono produzioni proprie di dolciumi di vario genere. La torta Sacher originaria di Vienna o la frolla Linzertorte che è il dolce più antico.

Leggi anche: L’aviaria colpisce i polli in Italia, 60 focolai: l’epicentro

Non bisogna poi dimenticare la torta Palatschinke una omelette dolce ripiena di marmellata e ricotta che ha origini francesi ma ha poi subito varie modifiche fino ad arrivare alla versione viennese. I turisti che visiteranno Vienna avranno certamente opzioni varie per addolcire il palato. Tuttavia, le palle di Mozart portano l’etichetta della città del grande compositore e mancheranno non solo ai viennesi.