Postepay, nuove funzionalità per gli addebiti Sepa

Sarà più facile gestire ed attivare le domiciliazioni bancarie 03con Postepay. Infatti non ci sarà più bisogno di recarsi agli uffici Poste

(Getty)

Gli addebiti Sepa sono dei servizi offerti dai prestatori di pagamento autorizzati, in questo caso Poste Italiane. Nel dettaglio si tratta di un accordo tra un debitore (chi deve pagare) e un creditore (chi deve ricevere denaro ad esempio per le utenze domestiche). Il primo autorizza quest’ultimo a disporre di addebiti sulla propria carta di pagamento o conto corrente.

Gli addebiti Sepa, che potremmo chiamare le domiciliazioni bancarie, rendono più semplici tutta una serie di pagamenti, come ad esempio le bollette delle forniture di gas ed elettricità oppure il pagamento di un affitto. Certo, in questo modo è più difficile controllare le spese, ma la tecnologia viene in soccorso.

Infatti, tutti i gestori di forniture, e tutt i prestatori di pagamento, ovvero le banche o Poste Italiane, hanno previsto una app che permette di accedere ai pagamenti automatici e gestire le spese.

Addebiti Sepa e Postepay, cosa cambia?

pixabay

Nel caso della Postepay, che da poco tempo viene gestita da un’azienda separata e non fa più capo direttamente a Poste Italiane, per attivare la domiciliazione bancaria Sepa c’è bisogno della carta con Iban annesso.

Il possesso dell’Iban è infatti fondamentale per attivare i pagamenti Sepa. In condizione contraria, non sarà possibile usufruire di tale servizio.

Leggi anche: Canone Rai, multa da 600€ in arrivo: chi rischia

Ciò che renderà più snella l’attivazione dei pagamenti Sepa con la Postepay sarà la possibilità di attivarli e gestirli tramite app, senza la necessità di doversi presentare allo sportello postale.

Leggi anche: Libretto Postale Smart, cosa succede quando scade?

L’elenco dei mandati sottoscritti, infatti, si potrà verificare da app Postepay o sito così come gli importi. Per questi ultimi sarà possibile specificare un limite, inoltre si potranno consultare quelli in scadenza o quelli eseguiti. Si potranno poi attivare delle nuove domiciliazioni, cambiare l’Iban all’occorrenza o revocare il mandato.