Digitale terrestre, le ultime modifiche ai canali: ecco come vederli

Digitale terrestre, arrivo nuove modifiche alla lista canali per fine novembre: ecco come fare per vederli tutti e la procedura da seguire

digitale terrestre
Foto Jonas Leupe Unsplash

Non si fermano le novità in atto per quella che ormai è stata definita come la “rivoluzione digitale terrestre” in Italia. Anche perché la transizione alla nuova tecnologia è ancora in atto, con le modifiche ad alcuni canali che stanno preoccupando anche gli spettatori, affezionati alla numerazione tradizionale. Ma soprattutto ad alcune emittenti, anche locali, che adesso rischiano di scomparire per sempre.

Per quel che riguarda la numerazione LCN a far fede resta il decreto del Ministero dello Sviluppo Economico, che ha reso ufficiale la nuova lista con i numeri di tutti i canali. Si tratta del passaggio tecnico definito “refarming delle frequenze”, che è già in atto in alcune regioni. In modo particolare in Sardegna, con spostamenti e cancellazioni.

Anche dolorose per alcune emittenti storiche come per esempio Olbia TV, che trasmetteva dal 1978, mentre da tempo ha già chiuso i battenti Telegi insieme a Canale 12 e a Tele Radio Stella e Super TV. Lo stesso scenario potrebbe verificarsi anche in altre regioni.

Digitale terrestre, cosa cambierà a fine novembre

digitale terrestre
Foto Tech Daily Unsplash

Il passaggio al nuovo digitale terrestre farà spazio a nuovi canali, mentre altri a breve potrebbero spegnere per sempre le frequenze. Abbiamo accennato alla situazione della Sardegna, ma lo stesso scenario a breve potrebbe verificarsi anche nelle regioni del Nord Italia, con l’addio da gennaio 2022 di alcuni canali storici anche se locali. Se da un lato i canali nazionali dovrebbero trovare comunque spazio, le novità saranno numerose.

Leggi anche: Digitale terrestre, nuova rivoluzione in arrivo: di cosa si tratta

A livello nazionale i nuovi MUX garantiranno la visione a tutte le tv, ben altro scenario invece si avrà a livello locale. Con la numerazione che potrebbe trovare ancora dei cambiamenti nonostante il decreto ministeriale che prevede una rigida assegnazione della numerazione. Vediamo alcune novità.

Leggi anche: Manifesto per un digitale sostenibile, quanto inquiniamo senza saperlo?

Premettendo che i nuovi apparecchi televisivi, sia con decoder che in versione incorporata, permetteranno con una nuova sintonizzazione di ricevere tutti i canali. Una novità è sicuramente per quella dei canali 27 e 47 che dovrebbero essere occupati da Paramount Network e Super!