Canone Rai 2022: ecco chi può non pagarlo. I requisiti 

Il Canone Rai 2022 deve essere pagato da quasi tutti i cittadini italiani: se infatti si ha uno di questi requisiti si è esenti dal pagamento

Foto Bruna Araujo Unsplash

Sono milioni di italiani che ogni anno devono pagare il Canone RAI. Ci sono però delle persone che sono esenti dal pagamento e, in casi particolari, il contribuente può evitare l’addebito nella fattura elettrica.

L’esenzione del Canone Rai spetta ad alcuni contribuenti che, tramite una dichiarazione sostitutiva ai sensi del D.P.R. n. 455/2000 possono evitare l’addebito del canone nella fattura elettrica o comunicare di aver diritto all’esenzione dal pagamento del canone.

Vediamo allora a chi spetta l’esenzione del Canone RAI 2022.

Canone RAI 2022, ecco chi non deve pagarlo

Canone Rai
Canone Rai, chi rientra nell’esenzione

E’ il sito dell’Agenzia delle Entrate a rivelare che i contribuenti titolari di un’utenza elettrica per uso domestico residenziale possono dichiarare che in nessuna delle abitazioni dove è attivata l’utenza elettrica a loro intestata è presente una televisione. In questo caso si presenta una dichiarazione sostitutiva con apposito modello di validità annuale.

Leggi anche: Stretta Fisco: multa da 5.000€ se fai questo regalo

Il modello di dichiarazione sostitutiva va presentato direttamente dal contribuente o dall’erede tramite l’applicazione web sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate, utilizzando le credenziali Fisconline o Entratel, oppure tramite gli intermediari abilitati.

Sono esonerati dal pagamento del canone anche i cittadini over 75 con un reddito annuo proprio e del coniuge non superiore complessivamente a 8.000 euro e senza conviventi titolari di un reddito proprio. I cittadini over 75 che hanno pagato il canone TV possono chiederne il rimborso mediante apposito modello.

Leggi anche: Bancomat, lo facciamo spesso: l’errore smagnetizza la carta

Sono infine esentati dal pagamento del canone tv, per effetto di convenzioni internazionali: gli agenti diplomatici; i funzionari o gli impiegati consolari; i funzionari di organizzazioni internazionali; i militari di cittadinanza non italiana o il personale civile non residente in Italia di cittadinanza non italiana appartenenti alle forze NATO di stanza in Italia.

In tutti i casi il modello di esenzione deve essere presentato dal 1° febbraio al 30 giugno ed esonera dall’obbligo di pagamento per il secondo semestre dello stesso anno. Se presentata dal 1° luglio al 31 gennaio dell’anno successivo esonera dall’obbligo del pagamento per l’intero anno successivo.