Bollo auto, come effettuare le verifiche dei pagamenti

La verifica bollo auto è una di quelle incombenze che devono sempre essere tenute a mente dagli automobilisti

Bollo auto
pixabay

Avere un veicolo comporta tenere bene a mente una serie di pagamenti da effettuare per stare in regola. Si va dall’assicurazione alla revisione per finire al bollo auto. Quest’ultimo è un’imposta annuale che si paga per la proprietà di un veicolo a prescindere dalla sua circolazione o meno. Anni fa si chiamava tassa di circolazione e permetteva a coloro che avessero l’auto ferma in garage, di sospenderne il pagamento.

Bollo auto, la verifica dei pagamenti

bollo auto
pixabay

Negli anni successivi, l’oggetto del tributo non è più legato all’utilizzo delle strade e vie, quindi alla circolazione, bensì alla proprietà e per questo che ha perso il nome di tassa e si paga a prescindere se l’auto è ferma o meno. E’ opportuno nel tempo verificare se si è in regola con il pagamento del bollo auto. Spesso può capitare di pagare oltre il periodo definito e che si accavallino gli anni. Per verificare se si è in regola con il bollo ci sono due strade: l’Agenzia delle Entrate oppure l’Aci, Automobile Club Italia.

Leggi anche:  Testamento olografo, come riconoscere la validità

Per quanto riguarda l’Agenzia, è necessario cliccare sul agenziaentrate.gov.it nella sezione servizi. Esiste in quest’ultima una sezione apposita dedicata al calcolo del bollo auto che avviene tramite la targa del veicolo. Esiste, poi, una sezione dedicata proprio ai pagamenti effettuati. Per quanto riguarda l’Aci, basterà recarsi sul sito istituzionale e cercare la sezione servizi e quindi bollo auto. Qui si troveranno le indicazioni per verificare il pagamento inserendo targa del veicolo e regione di residenza.

Leggi anche:  Risparmiare sulla benzina? Ci pensa Google Maps

Il bollo auto, infatti, è un tributo regionale. Sul portale dell’Aci è possibile anche effettuare il pagamento pagando una commissione del 1,2%. Bisogna ricordare che il ritardo di pagamento prevede delle sanzioni in percentuale sull’importo. Queste sono ragionevoli entro l’anno di ritardo, superato il quale si va su una sanzione del 30%.