Caro bollette, la causa è la crisi energetica: il piano dell’UE

L’aumento dei prezzi in bolletta di gas ed elettricità è dovuta alla crisi energetica che l’Europa sta vivendo. Cosa ci aspetta per il futuro?

Un webinar di Alleanza contro la povertà energetica per trattare il tema dell'energia
(pixabay)

Questo mese di ottobre, e anche i prossimi a venire, saranno per gli italiani mesi in cui dovranno fare i conti con l’aumento dei costi in bolletta.

Nonostante l’intervento del governo Draghi per attutire il rincaro, gli italiani dovranno comunque mettere mano al portafogli e sborsare cifre maggiore per quanto riguarda le bollette del gas e dell’elettricità.

Il motivo dei rincari va trovato innanzitutto nelle materie prime sempre più difficili da reperire, irreperibilità che ha dato il via ad una vera e propria crisi energetica.

Energia green, il piano dell’UE per fronteggiare la crisi

(Pixabay)

La crisi energetica riguarda tutto il mondo ma l’Europa sembra soffrirne particolarmente. Si tratta di un problema che i governi nazionali e Unione europea hanno già dovuto iniziare ad affrontare.

L’impennata dei prezzi dell’energia continua ad essere monitorata dalla UE mentre si pensa di intervenire sul fronte delle riserve strategiche europee di gas. Se i prezzi dell’elettricità sono alti la causa è da ricercare nei prezzi del gas per cui inizia a prendere sempre più piede una energia molti più economica, come quella rinnovabile.

La ragione del rialzo del prezzo del gas è dettata dall’aumento della domanda globale a causa della ripresa economica e dal fatto che le forniture non stanno aumentando allo stesso modo. Per questo motivo l’energia rinnovabile deve diventare la prima scelta.

Le energie rinnovabili rendono infatti un Paese indipendente dal momento che sole, acqua o vento non vengono prodotti ma appartengono a tutti, sono stabili nel prezzo e buoni per il futuro. L’Ue attualmente dipende per il 90% dalle importazioni del gas e per il 97% per il petrolio. 

Leggi anche: “Stop alle emissioni”, l’appello delle comunità religiose alla Cop26

Leggi anche: Bancomat, fare spesso questa cosa fa scattare il Fisco

Intanto i nuovi dati continuano a fotografare la crescita del costo dell’energia e del carburante. Nella settimana al 3 ottobre il prezzo medio di acquisto dell’energia nella borsa elettrica è aumentato del 16,1% rispetto alla settimana precedente mentre la benzina in una settimana è salita in Italia di 10 centesimi.