WhatsApp, attenzione a questo virus informatico

Una delle modifiche più scaricate per WhatsApp nasconde un virus informatico molto fastidioso e molto pericoloso.

Getty Images

È stato trovato in una delle modifiche più spesso scaricate per WhatsApp un pericoloso Trojan che può rendere molto difficile la vita degli utenti dell’app di messaggistica istantanea.

A coprire questo Trojan è stato il gruppo di Kaspersky Lab che lo ha rintracciato dentro FMWhatsapp. Il virus è in grado di scaricare altro software malevolo e rubare dati personali.

WhatsApp, dentro FMWhatsapp si nasconde un virus

Getty Images

L’utente medio di WhatsApp è contento e soddisfatto dell’app così com’è. Gli aggiornamenti che progressivamente il team di sviluppo dell’app di messaggistica istantanea del telefonino verde apporta sono in grado di esaudire i desideri di molti. C’è però una fetta di utenza che non si sente di utilizzare l’app così com’è.

Molti infatti scaricano una versione modificata che si chiama FMWhatsapp in cui, per esempio, si trovano già i messaggi che si autodistruggono. Ma proprio questa popolare versione modificata è stata utilizzata da alcuni criminali informatici per diffondere un Trojan, un virus informatico che come il cavallo di Troia serve ad aprire la strada ad altro software malevolo.

In particolare nella mod FMWhatsapp è stato rintracciato Triada. La cosa positiva, dimostrata anche dal team di Kaspersky Lab, è che questo particolare Trojan viene facilmente individuato dagli antivirus per i prodotti mobile. Un motivo in più, se ancora non lo avete installato, per scegliere un antivirus anche per lo smartphone.

Leggi anche: Virus informatico, anche Accenture vittima di ransomware
Leggi anche: Facebook, l’antitrust americano all’attacco del social

Anche perché lo scopo che ha Triada è quello di semplicemente permettere ad altro software pericoloso di poter entrare indisturbato nello smartphone che infetta. Lo scopo è quello di far apparire pubblicità sul telefonino, trarre in inganno l’utente per farlo iscrivere a servizi a pagamento o, nei casi più estremi, rubare i dati personali per poterli poi utilizzare per infettare re altri smartphone tra i contatti dell’utente infetto.