Hai banconote usurate? Probabilmente non sai questa cosa

Arriva una notizia importante per quanto riguarda le famose banconote usurate che circolano di persona in persona ogni giorno. Ecco cosa riguarda 

E’ capitato a tutti noi, almeno una volta, di ricevere banconote piuttosto usurate e temere che non venissero accettate successivamente, così da chiederne un’altra come resto o in alternativa accettarla ma con grosse riserve in merito. Una perplessità, in fondo, che ha un fondamento reale.

Perché come intuibile, una qualsiasi attività potrebbe essere libera di non accettare quella valuta. Poi è chiaro: più è alta la banconota, più questo rischio è alto. Che sia un angolo mancante o una ‘cicatrice’ profonda con tanto di scotch, la possibilità che quel denaro venga rifiutato esiste.

Banconote usurate verso un nuovo ritiro 

Banconote da 5 euro
Banconote (Foto Pixabay)

Così anche per evitare situazioni del genere, oltre a una salvaguardia dell’ambiente, è in atto un processo di smaltimento relativo proprio delle banconote usurate. Bankitalia, tra le altre innumerevoli mansioni, si occupa infatti anche di monitorare a livello nazionale anche le banconote danneggiate così da escluderle man mano dalla circolazione.

Leggi anche: Moneta con Dante? Questa versione vale oltre 2.000€

Come evidenziato da La Nazione, questo processo avviene in particolare grazie a 34 filiali distribuite nei confini italiani e va avanti da anni. Tutte le versioni bocciate, finora, state spedite al macero dove è avvenuto appunto lo smaltimento. Tuttavia da quest’anno c’è una novità annunciata proprio da Bankitalia: uno smaltimento totalmente ecosostenibile, attraverso l’uso dei termovalorizzatori che creeranno energia pulita. E non poca, considerando che nel 2020 sono state circa 600 le tonnellate da smaltire.