Uno studio ha scoperto che la popolazione francese è contaminata da metalli pesanti

Si tratta di un documento pubblicato in questi giorni dal dipartimento nazionale della sanità francese che rivela come i metalli pesanti nel sangue della popolazione siano in aumento a causa di cattive scelte alimentari

In Francia la popolazione è contaminata da metalli pesanti?

Questo è l’inquietante dato che emerge dal rapporto Esteban pubblicato in questi giorni dal dipartimento di sanità pubblica d’oltralpe che si occupa della biosorveglianza della popolazione. Si tratta di un monitoraggio che viene effettuato ogni dieci anni allo scopo di capire se esistono delle sostanze tossiche nell’organismo dei cittadini. La ricerca si è basata su campioni biologici di oltre mille bambini e circa 2.500 adulti, in un periodo di tempo compreso tra il 2014 e il 2016. Oltre alle analisi, ai partecipanti alla rilevazione è stato anche chiesto di compilare un questionario riguardante le loro abitudini alimentari. Nel documento pubblicato, i ricercatori spiegano come siano stati rintracciati nelle analisi condotte una forte presenza di metalli pesanti in quasi tutti i campioni analizzati. E se i livelli di mercurio rispetto ai campioni presi in esame nel 2006, sono rimasti pressoché invariati, risultano invece in aumento all’interno della popolazione la presenza di arsenico, cadmio e cromo.

Secondo gli scienziati, questa così alta presenza di metalli pesanti nel sangue dei cittadini, è dovuto in primo luogo all’alimentazione. Se metalli come l’arsenico e il cromo vengono infatti per lo più immagazzinati consumando il pesce e prodotto ittici commerciali, altri come invece il rame, vengono assorbiti dall’organismo consumando verdure e cereali.  Per questo i ricercatori nel loro rapporto hanno invitato i cittadini francesi a consumare questi prodotti con maggiore prudenza, in particolar modo per quanto riguarda il consumo di pesce crudo, forse il piatto che più di altri contiene metalli pesanti al suo interno. 

Leggi anche: “Estendere la cultura della protezione dei dati”, l’obiettivo dell’accordo GPDP e Torino Wireless

Leggi anche: Al G20 sull’Ambiente, il ministro Cingolani ha messo in guardia dai rischi del nuovo piano Ue

FONTI


https://ilfattoalimentare.it/metalli-pesanti-francia-sushi.html