Postepay: attenti al dettaglio, potrebbe costarti molto caro

Sono milioni gli italiani che ogni giorno utilizzano la postepay. In pochi sanno, però, che bisogna fare attenzione a un dettaglio che può costare molto caro.

La postepay è senza ombra di dubbio uno degli strumenti di gestione finanziaria più comuni e utilizzati. Una carta prepagata con Iban che ci consentirà di svolgere quasi tutte le operazioni che si potrebbero portare a termine con un normale conto corrente bancario. Al netto di costi di gestione decisamente contenuti e tenendo in considerazione anche la semplicità dell’utilizzo.

Questo, però, non deve assolutamente farci abbassare la guardia rispetto a tutta una serie di problematiche da tenere in considerazione. Negli ultimi anni, purtroppo, sono decine le segnalazioni di truffe. Una circostanza a dir poco spiacevole che potrebbe anche causare danni molto gravi. In questo caso vi suggeriamo quale errore non si deve assolutamente commettere per evitare che questo ci possa costare molto caro.

Leggi anche: Cashback, niente 150€ senza questo messaggio di conferma

Postepay: non commettere questo errore

bancomat
(pixabay)

Come abbiamo anticipato sono tanti i tentativi e le modalità utilizzate dai truffatori per cercare di estorcere denaro dai proprietari di postepay. Tra le varie segnalazioni ve ne proponiamo una alla quale fare massima attenzione. Nelle scorse ore sul web si sono ripetute molte segnalazioni rispetto a diverse mail contenente la segnalazione di un blocco delle operazioni legate a una legge europea entrata in vigore.

Una legge che non esiste. Lo scopo della mail è quello di ottenere dai malcapitati i dati relativi alla postepay, cliccando sul link contenuto all’interno del messaggio di posta elettronica.

Leggi anche: Temptation Island, che lavoro fa Stefano il fidanzato di Manuela?

L’errore assolutamente da evitare è quello di seguire le indicazioni e soprattutto di fornire dettagli rispetto ai dati personali o della propria carta. In questo modo si aprirebbe la porta ai truffatori.