L’Onu sta per presentare il nuovo rapporto sul cambiamento climatico mondiale

Gli esperti presenteranno il 9 agosto la prima parte del rapporto ONU sulle condizioni del surriscaldamento climatico mondiale

incendio clima
(pixabay)

La “Sesta relazione di valutazione” Onu sul cambiamento climatico sarà pubblicata con tutta probabilità a marzo 2022. Il primo appuntamento è il 9 agosto, data in cui le prime 30 pagine saranno rese note, dopo un attento lavoro di revisione “riga per riga”. Il collegio di revisori include esperti di tutto il mondo, e nel 2021, per la prima volta, il lavoro verrà effettuato online.

Questa edizione vede come precedente il rapporto 2014, che per la prima volta ha sancito ufficialmente la “responsabilità dell’uomo” nel cambiamento climatico. Un anno prima dell’Accordo di Parigi, che proprio sulla base del rapporto Onu, ha stabilito che il livello di riscaldamento globale non deve superare l’1,5 gradi in più dell’epoca pre-industriale.

Un progetto ambizioso che si propone di dimezzare le emissioni di gas serra entro il 2030 e di azzerarle per il 2050. Solo la prima bozza del lavoro Onu ha richiesto il lavoro di 750 esperti con migliaia di revisioni. Il rapporto si basa sulle evidenze di 14.000 articoli scientifici. La prima parte del report è incentrata su “le ultime conoscenze acquisite sul riscaldamento globale passato e sulle proiezioni future, mostrando come e perché il clima è cambiato fino ad oggi e includendo una migliore comprensione dell’influenza umana sul clima, inclusi gli eventi estremi”.

La seconda parte, prevista per febbraio 2022, analizzerà gli effetti del riscaldamento globale, e la terza e conclusiva, tenterà di proporre le soluzioni per ridurre le emissioni di gas serra. Questo lavoro di alta qualità scientifica sarà molto utile alle politiche internazionali per concertare azioni sostenibili ed interconnesse globalmente.

Leggi anche: A Roma è iniziato il pre vertice Onu del Food System Summit

Leggi anche: I residui di farmaci nelle acque possono distruggere l’ecosistema fluviale

A questo link la fonte dell’articolo