Precompilata Iva, dal 1 Luglio è iniziata la fase sperimentale: cosa cambia per i cittadini

Dal 1° luglio registrate le operazioni Iva direttamente online. Gli operatori hanno a disposizione un’area web dedicata

tasse
(pixabay)

L’Agenzia delle Entrate, come tutta l’amministrazione pubblica, è al lavoro per informatizzare e telematizzare il più possibile le operazioni. Questo è stato possibile grazie al Codice dell’amministrazione digitale, un testo di legge che ha segnato una svolta nella PA.

La digitalizzazione della pubblica amministrazione viene incentivata in virtù dei principi della trasparenza ed efficacia del lavoro. Ad essere informatizzati non sono solo i servizi della PA, ma anche le relazioni con il pubblico. Sempre di più le operazioni di versamento e controllo sono demandate all’informatica.

E’ istituito un codice di accesso unico per tutti i portali della pubblica amministrazione, lo Spid, a testimonianza che il progetto di digitalizzazione è comune nei vari istituti.

L’Agenzia delle Entrate da tempo predispone un modello 730 precompilato, a cui il contribuente può avere accesso tramite piattaforma online. Ora è il momento di informatizzare maggiormente le Partite IVA. Già da due anni i professionisti hanno l’obbligo di emettere fattura elettronica, direttamente recapitata all’Agenzia delle Entrate.

Fanno eccezione solo le Partite Iva a regime forfettario.

Leggi anche: Imu 2021: ecco chi non dovrà pagarla e perché

La nuova sperimentazione AdE, precompilata Iva

tasse
(pixabay)

Un provvedimento firmato da Ernesto Maria Ruffini, direttore dell’Agenzia delle Entrate, avvia la sperimentazione del precompilato per le partite Iva. Gli operatori addetti alla registrazione hanno accesso a tutte le e-fatture ed i corrispettivi di ogni professionista o azienda interessati.

Tutto è stato predisposto, e dal primo luglio 2021 è iniziata la fase sperimentale per semplificare ulteriormente i rapporti tra Agenzia delle Entrate e contribuenti.

Grazie alla precompilata, anche i professionisti avranno accesso ad un quadro complessivo sulla propria condizione tributaria. L’Agenzia delle Entrate, dal canto suo, può effettuare i controlli sull’evasione fiscale in maniera più snella.

Leggi anche: Cartelle esattoriali sospese? Adesso è possibile cancellarle: i dettagli

Fino alla scadenza dei pagamenti è sempre possibile modificare il precompilato.