Digitale terrestre, la scritta non esce? Attenti alla brutta sorpresa

Avete notato questa particolarità per quanto riguarda il vostro digitale terrestre? Allora attenzione alla beffa 

Digitale terrestre
Pixabay

Con l’estate ormai nel suo pieno, è giusto iniziare a ragionare anche in ottica del famoso o famigerato switch-off atteso in Italia dal prossimo 1 settembre. Da tale giorno, infatti, inizierà una migrazione che porterà l’intero Paese nel 2022 a una nuova codifica che vedrà l’addio al vecchio formato MPEG-2 per passare a una definizione più all’avanguardia e performante come il MPEG-4 per la trasmissione in DVB-T2 basata sul 5G.

Digitale terrestre, come prepararsi per lo switch-off

Foto Pixabay

Il problema, al di là della notizia positiva di per sé, è che non tutte le televisioni saranno supportate per tale aggiornamento. E quelle che non lo saranno, andranno giocoforza cambiate o al massimo rinforzate con un nuovo decoder che permetterà di restare al passo ma con una spesa minima rispetto all’acquisto di un nuovo dispositivo.

Leggi anche: Cashback, hai vinto i 1.500 euro? Ecco come capirlo

Per sapere se la propria Tv è adeguata, bisogna innanzitutto ricordare l’anno d’acquisto. Il motivo? Tutti i televisori comprati dal 2017 in poi sono attrezzati per tale cambio epocale. In ogni caso, per avere la certezza al 100%, è possibile verificare ulteriormente in due modi. O attraverso i classici canali in HD, per vedere se riuscite a vedere o meno in alta definizione, o tramite i canali test 100 e 200.

Leggi anche: Bancomat, se versate questa cifra rischiate grosso

Se su questi apparirà la scritta “Test HEVC Main10”, significa appunto che il televisore in questione è supportato e non ci saranno interventi da fare. In caso contrario, invece, bisognerà mettere mano al portafogli. Che sia per approfittarne e munirsi di un nuovo schermo, oppure per acquistare un piccolo dispositivo per restare al passo con i tempi.