Imu prima rata, scadenza vicina: ecco chi può non pagarla 

Si avvicina la scadenza per la prima rata dell’Imu. Ecco chi, grazie agli ultimi interventi governativi causa Covid, è esentato dal pagamento 

Calcolo Tasse (Pixabay)

E’ tempo di riscossione in Italia sul fronte Imu. La scadenza per la prima rata dell’Imposta Municinale Unica, del resto, è praticamente imminente poiché parliamo del prossimo 16 giugno. Tuttavia, secondo quanto disposto prima dalla legge di Bilancio 2021 e successivamente dal decreto Sostegni, non tutti saranno tenuti a pagarla.

Con questo doppio intervento, infatti, ci saranno una serie di cittadini che saranno praticamene esenti da questo dovere. Si ricorda che l’Imu è dovuta per tutti i proprietari di un immobile che non sia la casa principale, a meno che non di lusso.

Ecco chi non deve pagare la prima rata dell’Imu

tasse
(pixabay)

Per quanto riguarda la prima rata, sono due macro categorie totalmente esentate dal pagamento. Da una parte quella che riguarda stabilimenti balneari marittimi, lacuali, fluviali e stabilimenti termali. Dall’altra tutti gli immobili che rientrano nella categoria D “usate da imprese di allestimenti di strutture espositive nell’ambito di eventi fieristici o manifestazioni”.

Leggi anche: Bancomat, ora comparirà questo messaggio prima dei prelievi

L’esenzione è stata poi estesa anche alle strutture che rientrano nella categoria catastale D/2, ovvero alberghi e derivati, così come tutte una serie di strutture come agriturismi, villaggi turistici e contesti di montagna. Anche le discoteche e le sale da ballo rientrano in questa possibilità. Insomma, tutti i proprietari di quelle attività che sono state pesantemente limitate causa Covid-19 con una chiusura forzata e a oltranza.