“Un antidoto contro la solitudine nelle periferie”, il 28 maggio l’evento zoom del progetto FaCE

Il progetto FaCe ha lavorato negli ultimi tre anni nelle periferie di Reggio Emilia, Napoli e Palermo per contrastare la povertà educativa minorile. Il 28 maggio si terrà su zoom l’evento di chiusura del progetto

periferia
(pixabay)

Un comunicato stampa del Centro nazionale di documentazione nazionale su infanzia e adolescenza del 26 maggio 2021, riporta la notizia di un evento zoom del 28 maggio, occasione in cui professionisti ed operatori tireranno le somme su FaCe.

Si tratta di un progetto promosso dalla Fondazione Reggio Children – Centro Loris Malaguzzi, è nato con l’obiettivo di incrementare i servizi educativi per i bambini nelle periferie di Napoli, Palermo, Reggio Emilia e Teramo. La condizione delle periferie metropolitane è complessa. Il tessuto sociale presente spesso è molto disgregato ed i servizi che favoriscono la nascita di una comunità locale sono sovente assenti. Crescere in una periferia può essere difficile per molti minori, specialmente in un periodo storico come quello della pandemia, dove la condizione di ritiro nelle proprie abitazioni acuisce le disuguaglianze sociali.

Il progetto FaCE ha tentato di contribuire all’accrescimento del patrimonio culturale dei minori, attraverso delle iniziative che si sono svolte nell’arco di 3 anni. Propedeuticamente è stato fondamentale il lavoro di mappatura dei bisogni nelle periferie, attraverso il quale stabilire i focus su cui agire.

“Tre anni di lavoro intenso, non senza sfide e difficoltà, che hanno portato alla consapevolezza che l’educazione di qualità e la scuola come centro della comunità sono l’antidoto per la povertà educativa, contro la solitudine delle periferie, anche e soprattutto in un tempo cosi difficile come quello che stiamo vivendo, in piena crisi pandemica”, dichiarano i responsabili del progetto.

L’incontro del 28 maggio 2021 su piattaforma zoom sarà l’occasione per gli operatori e professionisti di raccontare l’attività degli ultimi 3 anni, che si è articolata attraverso la collaborazione con gli istituti scolastici locali. Grazie a questa partnership sono stati avviati laboratori espressivi e corsi educativi per supplire alle carenze didattiche.

Durante il webinar le voci dei protagonisti del progetto saranno affiancate da quelle più istituzionali: interverranno il Ministro dell’istruzione Patrizio Bianchi, il presidente di Con i Bambini Marco Rossi-Doria e la presidente della Fondazione Reggio Children Carla Rinaldi.

Leggi anche: Enna, la procura apre un’inchiesta sulla strage di pesci alla diga Sciaguana

Il progetto sta tirando le somme del proprio operato. FaCE, con il suo doppio significato di acronimo (FArsi Comunità Educandi) e di “faccia” in inglese, intende in senso più ampio restituire un volto alle periferie, supportandole nel radicare un’identità.