Autonomi e Partita IVA, domani ultimo giorno per presentare domanda

Attenzione al calendario: domani scade il termine per presentare la domanda per il contributo a fondo perduto per partite IVA e professionisti.

Foto Getty Images

Scade domani, venerdì 28 maggio, la domanda per il contributo a fondo perduto per i possessori di partita Iva e per i professionisti. La domanda, riservata ai titolari di partita Iva e professionisti, era stata inserita nel Decreto Legge Sostegno Uno dello scorso 22 maggio per fronteggiare la crisi del lavoro dovuta all’emergenza Covid.

Come stabilito dal Governo Draghi, il contributo a fondo perduto, in scadenza domani, riguarda coloro che svolgono attività di impresa, arte o professione e di reddito agrario, titolari di partita IVA, residenti o stabiliti in Italia.

Leggi anche: DL Sostegni bis, bonus lavoratori agricoli e della pesca: i requisiti

I requisiti e come fare domanda

Partita Iva
Pixabay

Requisito fondamentale per presentare domanda è che l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi del 2020 sia inferiore, almeno del 30%, rispetto all’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2019. Inoltre possono presentare la domanda anche coloro che hanno aperto la partita IVA a partire dal primo gennaio 2019.

Contrariamente non può fare domanda per il contributo a fondo perduto chi ha aperto la partita IVA dopo il 23 marzo 2021 e chi, alla stessa data ha cessato la sua attività. Nessuna domanda nemmeno per gli enti pubblici e per gli intermediari finanziari e società di partecipazione.

Leggi anche: Bonus tv 2021 senza limite di Isee: requisiti e come richiederlo

Ricordiamo che la domanda deve essere presentata online all’Agenzia delle entrate utilizzando il modello presente sullo stesso sito web. Ovviamente la domanda può essere trasmessa, per conto del richiedente, da parte di un intermediario delegato al servizio del “Cassetto fiscale” dell’Agenzia delle entrate o al servizio di “Consultazione e acquisizione delle fatture elettroniche o dei loro duplicati informatici” del portale “Fatture e Corrispettivi” oppure appositamente delegato con autodichiarazione.

Infine, se avete commesso qualche errore nella domanda, domani è anche l’ultimo giorno disponibile per presentare una nuova istanza.