Pensioni, ecco per chi scatta il taglio degli assegni da agosto

Pensioni, scopriamo in casi in cui scatta il taglio degli assegni e quando il Fisco provvederà al recupero di alcune somme in modo diretto

pensioni
Pixabay

Il tema delle pensioni sta catalizzando l’attenzione di alcuni partiti della maggioranza del governo Draghi, in trattativa con le sigle sindacali. Si lavora ad una riforma che possa finalmente trovare un’intesa tra le parti e favorire al massimo le richieste dei lavoratori. Scopriamo in questa sede come varieranno potrebbero variare alcuni importi relativi al mese di agosto settembre ottobre e novembre e per quale motivo.

I casi in cui potrebbero esserci dei tagli si riferiscono alle prossime dichiarazioni dei redditi. In questo caso si attenderà il conguaglio per stabilire se nel momento della maturazione dell’importo si possa verificare un debito che verrebbe saldato direttamente dalla pensione. Il Fisco infatti in questi casi agisce in modo diretto e tempestivo.

Leggi anche: Addio mascherine, spunta la data: la rivela Draghi

Con un controllo delle situazioni di debito e credito tempestivo e preciso, in modo tale da arrivare a scalare la cifra debitoria nelle mensilità indicate. Occhio dunque alla dichiarazione dei redditi ed al mese di agosto.

Pensioni, ecco perché scattano i tagli

Banconote (Foto Pixabay)

Il mese di agosto resta quello di riferimento in caso di taglio delle pensioni. Come anticipato tutto dipenderà dalla dichiarazione dei redditi che potrebbe manifestare una situazione debitoria che permetterebbe al Fisco di rivalersi sugli assegni. La scadenza importante è quella del modello 730/2021.

Le tappe che porteranno a controlli accurati partono dalla data del 10 maggio, con la compilazione del 730 che potrebbe essere rinviato entro il 30 settembre. E proprio per questo motivo il recupero delle somme dovute avverrebbero da agosto 2021.

Leggi anche: WindTre incoronata miglior rete mobile dati da Umlaut

Prossimi mesi fondamentali anche in chiave pensioni, con possibilità di tagli che a questo punto potrebbero riguardare milioni di italiani. Che dopo un periodo difficile caratterizzato dall’emergenza Coronavirus si potrebbero ritrovare delle sorprese inaspettate. Per questo motivo resta fondamentale l’appuntamento con la dichiarazione dei redditi.