Prosciutto di Parma, nuove regole per una filiera migliore

Si chiama Parsutt, PARma ham high SUsTainability sTandard, ed è il progetto promosso dal Crea di Reggio Emilia per migliorare la filiera del prosciutto di Parma. Convolta anche la Regione Emilia-Romagna e il Consorzio di Tutela.

Prosciutto di Parma: nuove regole per una filiera migliore
Prosciutto di Parma: nuove regole per una filiera migliore (foto: pixabay)

Il Crea di Reggio Emilia con la Regione Emilia-Romagna promuovono un progetto per portare nuove regole nella filiera di produzione del prosciutto di Parma. Lo scopo del Parsutt è quello di creare un modello virtuoso per implementare criteri di sostenibilità più elevati.

Benessere animale, uso dei farmaci e biosicurezza sono i temi principali di questo progetto che vuole migliorare il prodotto finale e venire incontro al mercato e ai consumatori.

Leggi anche: Pensioni, bonus extra in arrivo per molti: i dettagli

Prosciutto di Parma: il Parsutt per la filiera

Prosciutto di Parma: nuove regole per una filiera migliore
Prosciutto di Parma: nuove regole per una filiera migliore (foto: pixabay)

Il progetto Parsutt è promosso dal Crea di Reggio Emilia e si avvale della collaborazione, oltre che della Regione, del Consorzio di tutela, del Dipartimento di Medicina Veterinaria dell’Università degli Studi di Milano, dell’Organismo di Certificazione CSQA Certificazioni e dell’ente di formazione Dinamica Soc. Cons. a r.l.

Nel progetto saranno poi coinvolti alcuni allevatori selezionati che fungeranno da apripista per questo nuovo disciplinare. Si provvederà ad un’analisi dei possibili punti critici su cui agire in azienda, seguita anche da un’analisi economica di sostenilbità delle nuove misure per non creare obiettivi irrealizzabili.

Oltre a garantire una produzione migliore, il nuovo disciplinare sperimentale si occuperà anche di benessere animale: i primi anelli della produzione, allevamento e macellazione, saranno esaminati attentamenti. Lo scopo sarà quello di analizzare la situazione attuale e individuare degli indicatori concreti che possano invece portare a un prosciutto di Parma più rispettoso del benessere dei suini e dell’ambiente.

Questa attenzione al benessere animale è, come è facile intuire, frutto del cambiamento che sta avvenendo nei consumatori, sempre più attenti a ciò che comprano e al benessere degli animali che vengono macellati.

Leggi anche: Ikea ritira oggetti in plastica dal mercato: possono causare ustioni

Oltre agli aspetti più diretti della produzione, il progetto Parsutt si comporrà anche di una fase formativa e di divulgazione rivolta proprio ad allevatori e veterinari su benessere animale, biosicurezza e uso dei farmaci. Le aziende pilota del programma saranno anche visitabili con tour virtuali.