Conto corrente e soldi fermi: le strategia per non perdere il capitale

Conto corrente e soldi fermi: le strategie da adottare per non indurre gli istituti bancari ad azioni che limitano la giacenza di cifre alte senza investimenti.

Foto Pixabay

Gli istituti bancari che stanno adottando delle misure penalizzanti nei confronti dei clienti che hanno giacenze importanti sul conto corrente sono in aumento. Soprattutto in assenza di investimenti spesso si arriva a raddoppiare i canoni annuali, mentre in alcuni casi addirittura si chiede di provvedere alla chiusura del proprio. Azioni ritenute illegittime da parte delle associazioni dei consumatori.

D’altra parte si sa che lasciare delle somme senza investimenti in banca porta ad avere delle perdite costanti con inflazione e diminuzione del capitale depositato. Ci sono delle azioni a tutela dei consumatori, delle strategie che in questo caso possono arrivare in soccorso di milioni di correntisti postali o bancari.

Leggi anche: Bonus TV, 100 euro per rottamare il vecchio televisore: come ottenerlo

Le spese che si affrontano semplicemente per tenere soldi in banca sono ovviamente fisse, ma ci sono spesso anche commissioni e costi aggiuntivi che possono arrivare a cifre esorbitanti. Uno degli escamotage è quello di attivare dei fondi pensione. Che permettono di investire il proprio capitale fermo sui conti.

Conto corrente: come fare per risparmiare sui depositi

Bancomat
Pixabay

Uno degli strumenti per limitare i danni per le spese sul conto corrente resta quello dei fondi pensione. Tra i tanti in circolazione se ne possono scegliere quelli ritenuti più vantaggiosi per accumulare soldi per il futuro. Secondo alcuni studi, solo verso i 50 anni gli italiani cominciano a pensare a questa opportunità. Che spesso arriva per altri motivi non legati a quelli delle spese da correntisti.

Ma per arrivare ad avere degli effettivi vantaggi non si deve aspettare quell’età. Anzi, sia per risparmiare con le banche che per avere degli affetti vantaggiosi dai fondi pensione bisogna pensare molto prima a questa possibilità.

Leggi anche: Telecomunicazioni, Cittadinanzattiva mette a disposizione un call center per informare i cittadini

Anche perché si deve considerare che dopo i 62 anni di solito queste tipologie di investimenti non possono essere più considerate valide. Se si vuole iniziare a pensare al proprio futuro, anche in età lavorativa, non resta che scegliere il fondo pensione alternativa migliore e cominciare ad accumulare reddito per il futuro.