Modello IVA, scade la presentazione il 30 aprile: si richiedono proroghe

La presentazione del Modello IVA ha come termine ultimo il 30 aprile. Si richiede una proroga per gli effetti della pandemia

tasse
(pixabay)

Il 30 aprile è una data che in molti hanno segnato sul calendario. Scade la sospensione dei pagamenti con l’Agenzia delle Entrate, scade l’obbligo della presentazione del Modello IVA.

L’art. 8, comma 1, del D.P.R. n. 322/1998 prevede che il 30 aprile sia la data ultima per la presentazione del Modello IVA per aziende e professionisti autonomi. Ma il 2020 è stato un anno d’eccezione per i pagamenti. La pandemia ha portato vari decreti che introducevano la possibilità di una dilazione dei pagamenti e, per effetto a cascata, anche gli introiti sono slittati.

La dichiarazione IVA è il modello dichiarativo mediante il quale i soggetti passivi IVA comunicano all’Agenzia delle Entrate le diverse operazioni effettuate nel corso dell’anno d’imposta che hanno un impatto ai fini IVA.

Gli articoli 13-ter e 13-quater del D.L. n. 137/2020, ad esempio, prevedono la possibilità di rateizzare i versamenti dal 16 marzo al 16 giugno 2021. Per questo motivo stabilire il 30 aprile come data ultima della presentazione della dichiarazione IVA è un controsenso.

Leggi anche: Cashback, come avere oltre 150€ di rimborso: l’ultimo trucchetto

Assonime richiede la proroga allla presentazione del Modello IVA

tasse
(pixabay)

Nella circolare n. 11 del 2021, Assonime (associazione fra le società italiane per azioni) ha suggerito di prorogare il termine di presentazione della dichiarazione, possibilmente al 30 giugno 2021, al fine di consentire ai contribuenti di eseguire i versamenti sospesi fino a tale data.

A maggior ragione la proroga viene richiesta da varie voci, tenendo presente che in caso di mancata dichiarazione entro i termini stabiliti, i contribuenti sono soggetti a regime sanzionatorio.

L’art. 5, comma 1, D.Lgs. n. 471/1997 prevede l’applicazione della sanzione proporzionale dal 120% al 240% dell’ammontare dell’imposta dovuta, con un minimo di 250 euro.

Leggi anche: Carte rare Magic, hai questo pezzo? Vale 20.000 euro 

Si attendono risposte istituzionali all’istanza di proroga, che in molti si augurano arriverà presto, vista la prossimità della data ufficiale di scadenza.