Moneta 50 centesimi, sapete chi è rappresentato sul retro?

Moneta 50 centesimi, vi siete mai chiesto chi o cosa fosse rappresentato sul retro della moneta? Ecco finalmente la risposta 

monete
Moneta 50 cent (Foto Pixabay)

Quanti 50 centesimi, ogni giorno, ci capitano tra le mani per le spese varie? Parliamo di una moneta particolarmente apprezzata dal popolo italiano, probabilmente la favorita in assoluto subito dopo l’euro. Del resto è la soluzione perfetta tra i centesimi spesso fastidiosi e che accumulati rendono poco e il 2€ che alle volte può essere troppo.

Che sia per il parcheggio o per ogni altra cosa rapida, ci auguriamo spesso di trovarcene qualcuna in più tra le tasche o in auto. La forma ormai la conosciamo a memoria: diametro ampio, di colore giallo, e quell’immancabile disegno del cavallo con in groppa un uomo dall’altro lato.

Leggi anche:  Monete da 2€, sapete di chi è il volto sul retro?

Moneta 50 centesimi, ecco chi è rappresentato 

Vi siete mai chiesti di preciso chi rappresenti questo simbolo? Sono delle curiosità che spesso ci prendono ma a cui, per fretta o pigrizia, non riusciamo mai a dare una risposta precisa per spegnere la curiosità. Bene: è il momento di farlo. Il simbolo rappresenta di preciso Marco Aurelio, imperatore romano.

Nato il 26 aprile 121, fu alla guida dell’imparo fino alla sua morte nel 161. L’immagine sui 50 centesimi immortala più precisamente la statua equestre di Marco Aurelio, ovvero la famosa scultura bronzea collocata a piazza del Campidoglio a Roma nel XVII secolo salvo poi essere sostituita da una copia. L’originale, adesso, è conversata preziosamente nel Palazzo dei Conservatori sempre nella Capitale.

Parliamo di un’opera realizzata nel 176 D.C. e giunta miracolosamente integra ai giorni nostri. La sua sopravvivenza è avvenuta anche grazie a un fraintendimento creatosi negli anni, in quanto per molti secoli la statua fu erroneamente attribuita all’imperatore Costantino. La moneta odierna, invece, è stata realizzata da Roberto Mauri e il belga Luc Luycx e rappresenta non solo la statua del vecchio leader di guerra – tra cui filosofo e scrittore -, ma anche la stessa pavimentazione di Piazza del Campidoglio.