Usate la spugna da bagno? Attenti, in realtà è molto pericolosa

Spugna da bagno: massima prudenza con questo prodotto apparentemente innocuo. Gli esperti lanciamo l’allarme 

Foto Pixabay

La spugna da bagno, oggetto comune usato da moltissime persone al mondo, è in realtà potenzialmente pericoloso. Il motivo è semplice: per formazione, ambiente e zone sporche su cui spesso passa, crea inevitabilmente agglomeramenti di batteri e spesso anche muffe o funghi. Tutto questo, tradotto, significa che potenzialmente l’uso può comportare infezioni o, addirittura, malattie.

Leggi anche: Il pericoloso legame tra olio di palma e una futura pandemia

Spugna da bagno pericolosa: ecco perché 

Foto Pixabay

Giusto per rendere ulteriormente l’idea, secondo alcuni studi, la spugna conterrebbe addirittura 200 mila batteri più del wc. In particolare, come spiega il Journal of Cinical Microbiology, il motivo di tale accumulo sarebbero il caldo e l’umidità in cui è sempre conservata. Ambiente favorevolissimo per i microorganismi e la loro riproduzione. In più si vanno poi ad aggiungere gli altri batteri e le cellule morti presenti nel nostro corpo raccolti proprio al momento dell’utilizzo.

Il consiglio, pertanto, è di non utilizzare tale prodotto. In alternativa, si consigliano spugne con fibre naturali che bloccano la proliferazione. In più è opportuno toglierle dalla doccia, conservarle in un luogo asciutto e cambiarle ogni tre settimane almeno. E a proposito di spugne: attenzione anche a quella utilizzata per lavare le stoviglie. Il discorso finora applicato, infatti, non cambia. Con la differenza che quei microorganismi poi finiscono direttamente nei piatti in cui mangeremo.