Patrimoniale, l’Fmi spinge: “Fondamentale per la ripresa economica”

Patrimoniale, il Fondo monetario internazionale spinge per l’applicazione della tassa in Italia. Ecco perché

Pixabay

La tassa patrimoniale è la via più immediata ed efficiente per risollevare l’Italia, almeno secondo il Fondo monetario internazionale. L’associazione internazionale, infatti, è pronta a consegnare alle politiche italiane un report con un disegno che andrebbe a definire la riorganizzazione economica del Paese attraverso la tassazione per i redditi più alti della nazione. Soprattutto in questo periodo di crisi causa Covid-19, secondo l’Fmi sarebbe l’unica e vera soluzione a strettissimo giro con risultati certi.

Leggi anche: Riforma del Fisco, il governo Draghi sta studiando due possibili soluzioni

Patrimoniale, ecco il piano del Fmi

Maxi patrimoniale
Tassa patrimoniale (Screenshot YouTube)

Anche perché man mano lo scenario va peggiorando. Già quest’anno infatti, il rapporto tra il debito e il Pil dovrebbe raggiungere un picco del 157,1%, con una parabola decrescente che si avvierebbe – molto lentamente – soltanto nei prossimi 5 anni ma senza mai andare sotto la soglia del 150%.

Insomma, resterebbe un fardello insostenibile o quasi per la salute del Bel Paese. La scalata andrebbe da un apice del 155.5% a vari step fino a un 153,17% nel 2024, un 152% nel 2025 e un 151% nel 2026. Il ‘Fiscal monitor’ evidenzierebbe anche entrate fiscali per un massimo di 47.9% nel 2021, per poi abbassarsi di poco fino a un 47.5% nell’anno successivo.

Il verdetto del Fin quindi è chiaro, come riporta Agi: “Le autorità politiche potrebbero considerare un contributo per la ripresa dal Covid-19, imposto su redditi alti o i grandi patrimoni. Per raccogliere le risorse necessarie a migliorare l’accesso ai servizi di base, rafforzare le reti di sicurezza sociale e gli sforzi per raggiungere gli Obiettivi di sviluppo sostenibile è necessaria la riforma della tassazione domestica e internazionale, in particolare quando la ripresa avrà preso ritmo”.