Vaccini, il Consiglio di Stato accoglie il ricorso contro Walter Ricciardi

Vaccini, una vittoria per il Codacons: l’Anac dovrà riaprire il dossier sul consulente del ministro Roberto Speranza

Codacons ricorso
Ricciardi (Screenshot YouTube)

Una nuova vittoria per l’associazione che tutela i diritti dei consumatori in materia di trasparenza e di vaccinazioni. Dalla pronuncia della V sezione del Consiglio di Stato si evince l’accoglimento del ricorso che il Codacons aveva inoltrato nei confronti di Walter Ricciardi. L’ex presidente dell’ISS e consulente del ministro della Salute Roberto Speranza finisce nella bufera in quanto l’Autorità Anticorruzione dovrà riaprire il dossier che lo riguarda.

E che nel merito fa riferimento a dei presunti conflitti di interesse in capo a Ricciardi che è stato promotore della campagna di vaccinazione nel biennio 2016-2018. Esposto che era stato archiviato dopo la presentazione del ricordo del Codacons prima al Tar e poi al Consiglio di Stato.

Leggi anche: Tari a livello record, negozi chiusi ma i comuni aumentano la tassa

L’associazione dei consumatori aveva denunciato il conflitto di interessi di Ricciardi che ricopriva la presidenza dell’ISS ed aveva ricevuto dei finanziamenti e sponsorizzazioni da alcune aziende farmaceutiche che producevano vaccini.

Vaccini: accolto il ricorso del Codacons contro Walter Ricciardi

Vaccini ricorso
Roberto Speranza (Screenshot YpuTube)

Nuove grane per Walter Ricciardi che finisce nella bufera a seguito della riapertura del dossier nei suoi confronti per la questione vaccini. E che fanno riferimento al periodo in cui il consigliere del ministro Speranza era presidente dell’ISS. A seguito di un servizio di Le Iene ci furono le dimissioni di Ricciardi, con l’esposto da parte del Codacons che ha chiesto chiarimenti sulla sua posizione.

Nel merito della vicenda si apprende che il Consiglio di Stato ha ritenuto sbagliata l’archiviazione nei confronti di Ricciardi, soprattutto alla luce dei finanziamenti che ha ricevuto da presidente dell’ISS. Inoltre il Consiglio ha anche ricostruito i rapporti economici tra lo stesso Ricciardi e le case farmaceutiche.

Leggi anche: Pericolo truffa via sms, attenzione al messaggio inviato a nome della banca

A questo punto l’Anac dovrà riaprire il dossier nei confronti di Ricciardi, per far luce su una vicenda che dall’inizio non ha chiarito nel merito i rapporti dell’ex presidente dell’Istituto Superiore di Sanità ed alcune case farmaceutiche. Il Codacons anche provvedimenti da parte del ministro Speranza nel caso siano confermate le accuse nei suoi confronti.