Contributi a fondo perduto, come presentare la domanda

Il Governo Draghi ha messo a disposizione di diverse categorie di lavoratori contributi a fondo perduto. Vediamo come presentare la domanda.

contributi
(pixabay)

Il nuovo Decreto Sostegni sottoscritto dal Governo Draghi ha messo a disposizione di diverse categorie di lavoratori contributi a fondo perduto. Un sostegno estremamente importante in questa fase di emergenza economica, ovviamente strettamente legata a quella sanitaria. Tutti coloro i quali svolgono attività di impresa o professione e di reddito agrario, titolari di partita IVA potranno usufruire dei fondi.

Per potersi vedere accolta la domanda, ovviamente, bisognerà essere in possesso di una serie di requisiti. In particolare l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2020 dovrà essere inferiore almeno del 30% rispetto a quelli del 2019. Solo se ci si trova in questa condizione si potrà accedere al sostegno.

Leggi anche: Svegliati amore mio, la fabbrica degli errori esiste davvero: ecco dov’è

Contributi a fondo perduto: come presentare la domanda

Digital Tax
Soldi (Foto Pixabay)

La domanda per il contributo a fondo perduto deve essere presentata in via telematica attraverso il portale dell’Agenzia delle Entrate. Qui si troverà un apposito modello a disposizione dei cittadini e professionisti. Per potervi accedere e completare la procedura dovrai possedere le credenziali SPID oppure Entratel/Fisconline o essere in possesso di una della Carta di Identità Elettronica.

L’importo del contributo varia in base alle perdite registrate tra il 2020 e il 2019. In qualsiasi caso non potrà essere inferiore a 1.000 euro per le persone fisiche e a euro 2mila per i soggetti diversi dalle persone fisiche.

Leggi anche: Leonardo da Vinci, quanto vale la statua del Cavallo di Milano e cosa rappresenta

I fondi messi a disposizione dal Governo rappresentano una risorsa importante per le categorie che stanno pagando in maniera molto dura il prezzo della pandemia. La speranza è che presto tutta possa tornare alla normalità con la ripresa delle attività produttive e di conseguenza dell’economia.