Fisco, dichiarazione dei redditi: novità e scadenze

Novità importanti per quanto concerne il fisco e la dichiarazione dei redditi del 2021, con nuove scadenze e criteri da seguire.

fisco
(pixabay)

Il 2021 è un anno molto particolare anche dal punto di vista del fisco. I contribuenti dovranno fare fronte ad una serie di novità. L’Agenzia delle entrate ha reso note le novità contenute nei modelli ordinari e precompilati. Per quanto concerne 730 il contribuente non dovrà eseguire calcoli ma otterrà il rimborso dell’imposta direttamente nella busta paga o nella rata di pensione.

Tra le diverse novità inserite nel nuovo modello 730, con l’obiettivo di ridurre la pressione fiscale,  a partire dal 1° luglio 2020 ai lavoratori dipendenti in possesso di un reddito complessivo fino a 28mila euro spetta il trattamento integrativo, mentre per quelli in possesso di un reddito complessivo superiore a 28mila ma inferiore a 50mila, è prevista un’ulteriore detrazione.

Leggi anche: Calendario Fisco: cosa cambia nel 2021

Fisco, dichiarazione dei redditi: cosa cambia

Fisco
(Pixabay)

Tra le novità inserite nel nuovo modello per la dichiarazione dei redditi le detrazioni per le spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 30 giugno del 2022 per l’efficientamento energetico e riduzione del rischio sismico. Sono previste, inoltre, apposite voci per eventuali bonus ricevuti tra le tante misure approvate negli ultimi mesi.

Dal punto di vista fiscale estremamente interessanti la riduzione delle detrazioni d’imposta che da quest’anno, alla sezione I del quadro E, si riducono all’aumentare del reddito fino ad azzerarsi al raggiungimento di un reddito complessivo pari a 240mila euro. La dichiarazione dei redditi per persone fisiche deve essere presentato, in via telematica, entro il 30 novembre dell’anno successivo a quello di chiusura del periodo di imposta.

Leggi anche: Fisco, novità in Italia: intelligenza artificiale per individuare gli evasori

Quelle sopraelencate sono una serie di misure estremamente interessanti che modificheranno le vecchie abitudini, ovviamente sempre inerenti al fisco, di milioni di cittadini italiani.