Aiuti alle imprese: come ottenere i prestiti per le aziende

Il Decreto Sostegni prevede importanti aiuti alle imprese. Nello specifico si tratta di prestiti da restituire in 5 anni.

Bonus Famiglie
(Pixabay)

Le grandi aziende sono in grave difficoltà a causa dell’emergenza sanitaria. Il motivo è molto semplice, i ricavi si sono abbassati nonostante i costi siano rimasti pressoché invariati. Per questo motivo il Governo Draghi ha previsto nel Decreto Sostegni aiuti alle imprese. L’esecutivo ha messo a disposizione 250 milioni di euro per cercare di dare una boccata d’ossigeno alle grandi aziende.

Ovviamente non tutte potranno usufruire del prestito da restituire entro 5 anni. Va da sé che gli imprenditori dovranno rendere nuovamente quanto ottenuto, ma con questi fondi potrebbero superare questo momento di stallo. L’obiettivo è quello di garantire la continuità operativa delle grandi imprese.

Leggi anche: Bonus Partita IVA: aiuti a fondo perduto per 5 fasce di fatturato

Aiuti alle imprese: chi può richiedere il prestito

Bonus Famiglie
(Pixabay)

Gli aiuti alle imprese voluti dal Governo riguarderanno solo le aziende con almeno 250 dipendenti o in alternativa con un fatturato superiore ai 50 milioni o un bilancio di oltre 43 milioni di euro. Si parla, quindi, di un numero contenuto di società che, viste anche le dimensioni, stanno faticando in questo periodo storico di stallo economico.

Le somme saranno gestite direttamente dal ministero dello Sviluppo economico attraverso la creazione di un apposito fondo che potrà essere utilizzato solo da aziende non decotte già prima della crisi. I prestiti potranno essere concessi anche ad imprese in amministrazione straordinaria. La principale condizione per poter ricevere il sostegno, però, è una: “che si possa ragionevolmente presumere il rimborso integrale dell’esposizione alla scadenza“.

Leggi anche: DL Sostegno, nuovi contributi a fondo perduto: a chi sono diretti

Il Governo ha studiato una serie di misure per cercare di venire incontro alle esigenze degli italiani. L’augurio è che le scelte fatte possano effettivamente portare un beneficio alla situazione economica del nostro paese.