La maxi-patrimoniale l’unica soluzione per Draghi. I dati che lo dimostrano

La maxi-patrimoniale potrebbe rappresentare l’unica via per il governo Draghi per mettere un argine agli ultimi 10 anni di crescita zero

Maxi patrimoniale
Mario Draghi (Screenshot YouTube)

Il governo Draghi, insediato da poche settimane, già si trova a fronteggiare criticità pesanti. Che meritano risposte immediate e non solo sul lungo periodo. La crisi generata ed amplificata dall’emergenza Coronavirus impone scelte immediate e per certi versi anche drastiche. E non ci riferiamo solo alla questione vaccini, che resta primaria sull’agenda dell’esecutivo. Anche perché al momento resta l’unico strumento capace di riportare la situazione alla normalità.

Il nostro paese si deve rimettere in moto, con l’economia ingessata e che viene da un decennio di crescita zero. Servono interventi strutturali e riforme anche perché sull’operato italiano resta vigile lo sguardo di Bruxelles. E anche per questo motivo non si può più sbagliare.

Leggi anche: Rincaro Benzina, il Codacons: “Impennata nella spesa annuale”

Tante le azioni che il nuovo esecutivo dovrà espletare, trovando delle risposte veloci. Il riferimento va in primo luogo alla campagna vaccinale ed alle riforme strutturali ma anche al decreto sostegni. Insomma, sul tavolo di Draghi bisogna solo fare la conta delle priorità. La soluzione di tutti i problemi potrebbe essere a questo punto una sola.

La strada sembra obbligatoria e porta alla maxi-patrimoniale

Maxi patrimoniale
Tassa patrimoniale (Screenshot YouTube)

Il nostro paese viene da anni di crescita zero che pesano come una zavorra sull’economia. Dal 2009 al 2019 il dato si è attestato intorno al 0,2% annuo, quindi resta obbligatorio un cambio di passo ed innalzare il livello di crescita almeno al 2%. Quale la soluzione? Sembra una strada obbligata quella da seguire.

E porta inevitabilmente ad una maxi-patrimoniale. Che dovrà essere adottata per poter arrivare a raggiungere il livello di Pil necessario per poter fronteggiare quelle riforme strutturali che l’esecutivo ha già messo in agenda. Nel dettaglio bisognerà mettere mano a mercato del lavoro fisco e giustizia civile.

Leggi anche: WhatsApp, da oggi si può cambiare la voce nei vocali. Ecco come

Per arrivare a tutto ciò bisognerà partire dalla maxi-patrimoniale. Con la tassa che non è ben vista dalla gente, anche perché puntualmente viene riproposta nei momenti di scarsa liquidità per lo Stato.