Steve Jobs: a chi andrà la sua eredità di oltre otto miliardi di dollari?

Steve Jobs, fondatore di Apple, è scomparso il 5 ottobre del 2011. Ma ad oggi resta ancora un mistero quello della sua eredità miliardaria

steve Jobs
Steve Jobs (Foto Pixabay)

Il fondatore di Apple resta uno dei personaggi più famosi al mondo. La sua storia imprenditoriale resta da esempio per tantissimi giovani che possono soltanto ammirare l’impero economico che è riuscito a costruire in vita l’inventore informatico di San Francisco. Scomparso il 5 ottobre del 2011, ha lasciato aperta dopo anni la questione sulla sua eredità. Che viene stimata oltre gli otto miliardi di euro.

Non solo una cifra inestimabile, c’è da decifrare anche la situazione riguardante gli eredi, che a quanto pare non riguarderebbe solo la sua famiglia. Ma anche altre persone che in modo diretto hanno vissuto con lui parecchi anni della sua vita. Un patrimonio stratosferico, ma resta da sbrogliare una situazione familiare ed extrafamiliare abbastanza intricata. Scopriamo perché.

Leggi anche: Imu cancellata per molti cittadini: ecco chi riguarderà 

Partiamo dal patrimonio di Jobs, che viene stimato superiore agli otto miliardi di dollari. Per la precisione si parla di 8.3 miliardi, che non andrebbero solo alla moglie Laurene Powell Jobs ed ai figli Eve Erin e Reed. Infatti co sono anche le sorelle Patti Jobs e Mona Simpson che potrebbero chiedere una fetta di eredità. La sua famiglia (Joanne Simpson e Abdulfattah Jandali) lo diede in adozione appena nato alla coppia Paul e Clara Jobs.

A chi andrà l’immenso patrimonio di oltre otto miliardi di dollari?

Steve Jobs
Mac Apple (Foto Pixabay)

Il fondatore di Apple ebbe una figlia con Chrisann Brennan quando aveva 23 anni. Il suo nome è Lisa, oggi giornalista e scrittrice. Ma i tre eredi legittimi restano Red Erin ed Eva. Da capire quindi come i legali riusciranno a districare la faccenda dell’eredità, che non sarà facile da sbrogliare. Anche perché l’impero che Steve ha costruito negli anni resta impressionante, ricco di proprietà e brevetti.

Ma anche immobili ed altri tipi di beni sparsi per gli Usa. Tante le storie legate all’imprenditore informatico, anche di beneficenza. La sua malattia l’avrebbe reso molto sensibile al tema del cancro. E a tal proposito si parla di una sua donazione di 150 milioni di dollari all’Helen Diller Family Comprehensive Cancer Center dell’Università della California di San Francisco.

Leggi anche: Minacce al Premier: “Se toglie il RdC Draghi fa la fine di Falcone”

In attesa di conoscere il contenuto del suo testamento, che nemmeno la famiglia avrebbe ancora conosciuto, si possono fare solo delle considerazioni sul suo immenso patrimonio di 8,3 miliardi di dollari. Una cifra che farebbe gola a chiunque.