Zoom, 2,65 miliardi di ricavi nel 2020, prevista ulteriore crescita del 41%

La pandemia ha incrementato l’uso della piattaforma

Pixabay

L’ultimo trimestre del 2020, ha registrato per Zoom un aumento degli utili del 369% per 882,5 milioni di dollari. I ricavi, nello stesso periodo dell’anno precedente, erano stati di 15,3 milioni. Quest’anno sono stati di 260 milioni di dollari.

Zoom ha registrato nel 2020 un aumento dei profitti più che quadruplicati per un totale di 2,65 miliardi. Ma la crescita non dovrebbe interrompersi; infatti si prevede un ulteriore sviluppo del 41%, e utili, solo nel primo trimestre, tra i 900 e i 905 milioni di dollari.

L’amministratore delegato di Zoom, Eric Yuan ha affermato che: “il quarto trimestre ha segnato un finale solido in un anno senza precedenti per Zoom“. A causa della pandemia, che ha costretto miliardi di persone nel mondo a lavorare da remoto, la società ha conosciuto una forte crescita. Il fenomeno dello smart working, secondo Yuan, è destinato a continuare. Infatti: ”non siamo più solo una società di videoconferenze”, continua, spiegando che Zoom si sta adeguando iniziando ad offrire anche altri servizi come le chat e i webinar.

Leggi anche: Covid, smart working in costante aumento: la ricerca dell’Istat

Anche Wall Street ha accolto positivamente la crescita della società, confermando la situazione con un avanzamento del titolo del 4%.

Zoom annuncia che entro l’anno i sottotitoli automatici saranno disponibili per tutti

Pixabay

L’opzione live transcription, supportata adesso solo tramite un abbonamento, sarà disponibile per tutti. Su Google Meet e Microsoft Teams l’opzione è già disponibile.

Leggi anche: Google, aggiornamento app Meet per competere contro Zoom

A causa della pandemia da Covid-19, l’uso di queste piattaforme sta dilagando in tutto il mondo. Per questo, l’opzione di sottotitolaggio automatico aiuterebbe a mettere in contatto persone con lingue diverse, anche se per adesso l’unica lingua supportata è l’inglese.