Bollo auto, il tema della prescrizione in caso di mancato pagamento della tassa è sempre stato oggetto di controversie. Vediamo nel dettaglio cosa hanno stabilito i giudici. 

Pixabay

Esistono dei casi in cui il pagamento del bollo auto può finire in prescrizione, come ad esempio nel momento in cui l’amministrazione pubblica, o il concessionario che si occupa della riscossione, dimentica di inviare al contribuente la comunicazione della messa in mora.

Il tema della prescrizione per questa tassa, da un punto di vista legislativo, è sempre stato controverso. Negli ultimi anni però, l’orientamento dei giudici è stato quello di considerare tre anni, come il periodo massimo entro cui possono essere inviate le comunicazioni di messa in mora. 

Leggi anche: Bollo Auto, come far rientrare la spesa nel Bonus Cashback

Bollo auto, novità e agevolazioni del 2021

Pixabay

Per il 2021, il governo ha confermato tutte le agevolazioni che sono previste per il bollo di auto storiche tra i 20 e i 29 anni di età. Per quanto invece riguarda le vetture storiche con più di trent’anni di età, queste invece risultano esentate dal pagamento di questa tassa anche laddove queste non fossero iscritte nel registro storico.

Ai fini dell’esenzione, è importante però che il mezzo in questione non venga utilizzato a scopo professionale. 

Leggi anche: Bollo auto, per quanto tempo è necessario conservare le ricevute?

Le auto storiche con un’età compresa tra i 20 e i 29 anni, possono godere di un’agevolazione che consente di ottenere uno sconto sul pagamento fino al 50 per cento dell’importo da versare all’erario. Chi invece acquista un’auto elettrica, ha diritto a una sospensione del bollo per cinque anni.