Pixabay

Un emendamento in Legge di Bilancio ha proposto di tagliare le tasse del 50 per cento per alcune attività. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta.

Nella Legge di Bilancio, è stato inserito un emendamento che prevede un taglio del 50 per cento dei contributi fiscali per le aziende che operano nelle zone del territorio classificate ZES (Zone Economiche Speciali), istituite nel 2017 con il Decreto Mezzogiorno.

Taglio Tasse per imprese in zona ZES

Tutte le imprese che operano in queste zone, hanno dunque la possibilità di poter accedere ad alcune agevolazioni fiscali che lo Stato erogherà sotto forma di credito d’imposta fino a un tetto massimo di 50 mila euro. L’emendamento presentato, prevede sostanzialmente di poter prolungare questa agevolazione per altri sette anni, lasciando invariato il taglio delle tasse del 50 per cento per coloro che apriranno la loro attività in queste zone.

Esistono però due condizioni che le imprese devono soddisfare per poter accedere a questi benefici fiscali. In primo luogo, le aziende in questione sono tenute a mantenere attività la loro operatività per un periodo pari a dieci anni. E inoltre, in tutto questo arco di tempo non possono licenziare. 

Leggi anche: Imu, storica sentenza Cassazione su esenzione seconda casa

Bonus Sociale, confermato anche per il 2021

Pixabay

Nella nuova Legge di Bilancio è contenuto anche il cosiddetto Bonus Sociale, che entrerà in vigore a partire dal 1 Gennaio del prossimo anno. Si tratta di una misura che permette alle famiglie che soddisfano determinati requisiti reddituali, di poter usufruire di uno sconto sulle bollette di acqua, luce e gas. 

Leggi anche: Imu per casa in eredità: ecco come funziona e quando si paga 

Non è necessario presentare domanda per questa agevolazione, in quanto verrà riconosciuta in automatico ed erogata dall’Istituto di Previdenza.