Bologna, accordo per assistenza sanitaria gratuita studenti fuori sede. Come funziona il servizio e a quali numeri rivolgersi.

Il Centro Universitario Sportivo di Bologna, la Fondazione Ant e l’Azienda Usl di Bologna hanno stipulato un accordo che riguarda tutti gli studenti fuori sede che vivono nella città. A partire da oggi infatti, questi avranno diritto ad accedere in modo totalmente gratuito all’assistenza sanitaria di base di Bologna senza però dover rinunciare al medico di base della loro città di residenza.

Gli studenti fuori sede avranno dunque diritto all’assistenza diretta dei medici dell’Ant. Il servizio inoltre garantisce la possibilità di poter segnalare al Servizio di Igiene Pubblica o all’Usca, Unità Speciali di Continuità Assistenziale, la possibile presenza di un caso sospetto di coronavirus. Il servizio in questione risulta aperto anche agli studenti internazionali che si trovano a Bologna per svolgere attività di ricerca o Erasmus. 

Leggi anche: Coronavirus, esperto Cts: “Terapie intensive a rischio saturazione”

Bologna, assistenza sanitaria gratuita a studenti fuori sede: come funziona il servizio

Dal Lunedì al Venerdì, dalle ore 9 alle ore 16, gli studenti di Bologna potranno contattare la Fondazione Ant al numero +393407819625 segnalando di che tipo di assistenza medica hanno bisogno. A quel punto saranno richiamati da un medico dell’ente per un primo colloquio telefonico. Nel caso in cui il medico si accorga di trovarsi di fronte a un possibile caso di positività al coronavirus, questi dovrà obbligatoriamente contattare il Servizio di Igiene Pubblica di Bologna.

Laddove invece le problematiche mediche non abbiano nulla a che fare con il virus, sarà il medico Ant a stabilire l’iter che dovrà seguire lo studente, che si tratti di una visita ambulatoriale o la prescrizione di un farmaco. Le visite ambulatoriali si terranno nella sede della Fondazione Ant, che si trova in via Jacopo di Paolo 36. L’accesso gratuito all’assistenza sanitaria di base per gli studenti fuori sede era già attiva in alcuni campus romagnoli in virtù di un accordo stipulato con la Uls Romagna, e diventa adesso disponibile anche per la città di Bologna. 

Leggi anche: Allarme Federazioni Pediatri: “Bambini vere vittime del lockdown”