Pishing, attenzione alla truffa sulle pagine Facebook. Gli hacker si spacciano per operatori del team di facebook per rubare le credenziali dell’utente. 

Su internet è stata segnalata in questi giorni una campagna di pishing in cui vengono prese di mira le  pagine Facebook degli utenti. Da quanto si apprende, gli hacker inviano delle false mail che sembrano apparentemente provenire dal team di Facebook, ma che in realtà sono dei falsi per ingannare gli utenti.

Questo ad esempio il contenuto di uno dei messaggi inviati: “Ciao, abbiamo bisogno di informarti che la tua pagina è stata contrassegnata per attività insolite e illegali, quindi la tua pagina verrà eliminata definitivamente”. Successivamente alla vittima viene recapitato un secondo messaggio in cui la si avvisa che verrà ricontattata a breve da un rappresentante del social per cercare di risolvere il problema. 

Leggi anche: Facebook, è ufficiale: Instagram e Messenger in un’unica chat

Pishing, come funziona la truffa sulle pagine Facebook per rubare credenziali utenti

Quando questo avviene, il falso rappresentante spiega all’utente che esiste una procedura per evitare la cancellazione della pagina. Basta semplicemente aprire il link che viene allegato. Da segnalare inoltre che l’URL inviato “https://facebook.com”, un altra mossa che spinge la persona a credere alle parole del falso rappresentante. I criminali informatici stanno semplicemente utilizzando un sottodominio e infatti ad un esame più attento si potrà notare che l’Url in questione termine con .top e non .com.

L’obiettivo naturalmente di questa truffa è quella di portare la persona in una falsa home page e compilare il modulo allo scopo di hackerare il suo dispositivo e rubare le credenziali del social. Si raccomanda perciò gli utenti di osservare attentamente qualunque comunicazione sembri arrivare dal team di Facebook e accertarne l’autenticità. Nel caso in cui poi gli operati inviino degli Url, controllarli sempre con attenzione per verificare che coincidano con i reali domini della piattaforma.

Leggi anche: Facebook, possibile multa dall’Irlanda: potrebbe abbandonare l’Europa