A metà settimana Amazon ha pubblicato la dichiarazione dei redditi, dimostrando di aver pagato 250 milioni di euro nel 2018 al Fisco francese. Questa mossa arriva dopo le accuse avanzate al gigante dell’e-commerce statunitense di non pagare abbastanza tasse.

La Francia è in prima linea nell’inasprimento della tassazione dei giganti digitali multinazionali. Il parlamento transalpino fece infuriare a luglio l’amministrazione del presidente degli USA quando promulgò una legge per tassare le società digitali come Google, Apple, Facebook e Amazon sulle entrate guadagnate all’interno del Paese.

La Francia e altre nazioni sostengono che tali giganti digitali multinazionali devono pagare le tasse sui ricavi maturati in un Paese anche se la loro sede centrale o fiscale è altrove, come Irlanda o Lussemburgo, dove gli utili delle società sono tassati a livelli relativamente bassi.

Frederic Duval, capo di Amazon France, ha dichiarato: “La società sta crescendo in Francia e all’aumentare della crescita, aumentano anche i contributi ai servizi pubblici, al modello sociale francese. Nel 2018, le detrazioni obbligatorie legate alle nostre attività in Francia ammontano a oltre 250 milioni di euro. Di questi, circa 150 milioni sono stati classificati come detrazioni dirette, come l’imposta sulle società e i contributi dei datori di lavoro”. Il resto è stato elencato come imposte riscosse per conto dello Stato, come l’imposta sul valore aggiunto e la sicurezza sociale.

Alla domanda sul perché Amazon abbia scelto di rendere pubbliche le sue informazioni fiscali francesi, Duval ha affermato che “è perché la domanda è stata spesso posta. L’abbiamo fatto di recente in Gran Bretagna, lo stiamo facendo in Francia, vogliamo chiarire perché tutto ciò è stato spesso oggetto di dibattito”.

La Francia ha introdotto una nuova imposta digitale per i giganti di Internet, applicata retroattivamente dal 1 ° gennaio, che comporta un prelievo del 3% sugli utili derivanti dalla vendita online di rivenditori terzi, nonché sulla pubblicità digitale e sulla vendita di dati privati.