Huawei
Huawei

Huawei sembra aver gettato le basi per entrare nel mercato dei PC desktop dopo aver pubblicato online i dettagli di una nuova scheda madre per computer che eseguirà la versione di un processore Arm precedentemente destinato ai server.

Per adesso nessun dettaglio da parte della società cinese. Ciò che è noto è che Huawei ha presentato una scheda madre al “Huawei Full Connect” di settembre. Le specifiche parlano di una scheda desktop modello D920S10 basata sul processore Kunpeng 920, il quale supporta il sistema operativo desktop Linux ed è compatibile con l’hardware tradizionale, come memoria, dischi rigidi e schede di interfaccia di rete.

Il processore Kunpeng è un ARMv8, funziona con quattro o otto core e si basa sulla fabbricazione a 7 nm. Può essere scalato fino a 64 core per il server.

Il potenziale ingresso nel mercato dei PC arriva nel momento in cui Huawei, il più grande produttore di apparecchiature per telecomunicazioni al mondo e uno dei principali produttori di smartphone, deve affrontare continui problemi commerciali con gli Stati Uniti.

A maggio, gli Stati Uniti inserirono Huawei nella lista nera delle minacce alla sicurezza nazionale, impedendo la vendita di chip prodotti negli USA alla società cinese. Molte aziende statunitensi richiesero permessi per continuare le vendite, concessi ad alcune questo autunno.

Arm, con sede nel Regno Unito, sta continuando a concedere in licenza la sua tecnologia di chip alla filiale HiSilicon di Huawei. Di conseguenza, Huawei è stata in grado di realizzare il suo ultimo smartphone Mate 30 senza parti statunitensi. L’azienda è attualmente alla ricerca di altre alternative per realizzare i propri dispositivi.