tasse

Il “gettito tributario” o “entrate fiscali” è il denaro guadagnato dallo Stato grazie alla tassazione. È il suo reddito principale, con il quale finanzia la spesa pubblica e altre voci.

Le tasse sono pagamenti obbligatori, regolati dalle leggi. Le entrate fiscali sono riscosse da tutta la società con intensità differenziata, ispirate a considerazioni di giustizia ed efficienza. In particolare, il sistema fiscale può avere l’obiettivo generale di ridurre le disparità di reddito.

Le imposte possono essere considerate pagamenti ex ante per i servizi ottenuti in un secondo momento (consentendo il disaccoppiamento della struttura dei pagamenti dalla struttura dei consumi, anche se ma necessariamente).

Tuttavia, molti sistemi fiscali sono altamente irrazionali, estremamente complessi e il contribuente rischia di aver bisogno di una consulenza professionale per calcolare l’importo fiscale e per capire come ridurre l’onere.

Le tasse contribuiscono al rimborso del debito pubblico cumulato (capitale) e dei relativi interessi pagati su di esso. Tuttavia, diventano rapidamente non tollerati dall’elettorato se la quota dedicata a tali obiettivi diventa troppo grande, comprimendo l’importo della spesa pubblica, la copertura e la qualità, poiché la maggior parte degli elettori sentirà di ricevere meno di quanto paga in tasse.

Composizione

Le entrate fiscali sono la somma delle entrate di diversi tipi di imposte, a seconda di ciò che viene tassato:

  • Le entrate delle persone fisiche e giuridiche (imposte dirette).
  • La ricchezza e i beni come proprietà immobiliari e case.
  • Le transazioni economiche nazionali, in particolare a fini di consumo, tipo le “imposte indirette” (IVA).
  • Il commercio internazionale, in genere mediante dazi all’importazione.
  • Le transazioni finanziarie, sia in termini nazionali che internazionali.

Le entrate fiscali sono il risultato dell’applicazione di un’aliquota fiscale a una base imponibile. L’aumento della base imponibile si traduce in un aumento delle entrate socialmente più accettabile rispetto ad un aumento del tasso il quale, a sua volta e in determinate condizioni macroeconomiche, potrebbe persino ritorcersi contro.

Le tasse sono classificate in base all’aliquota fiscale:

  • Imposte progressive, con un’aliquota percentuale crescente con l’importo tassato.
  • Imposte proporzionali, con un’aliquota fiscale qualunque sia la base imponibile.
  • Imposte regressive, con aliquota fiscale in calo e aumento della base.
  • Imposte forfettarie, con un valore assoluto fisso dell’imposta, indipendentemente dalla base imponibile.