Data scadenza: questi cibi diventano davvero pericolosi

Ecco quali sono i prodotti alimentari da evitare assolutamente dopo la data di scadenza, prestare la massima attenzione

carne data scadenza
Data di scadenza (Foto Pixabay)

È capitato a chiunque di imbattersi nel proprio frigorifero o nella propria dispensa in prodotti vicini alla data di scadenza o che l’abbiano superata da qualche tempo. La domanda è sempre la  stessa. È possibile mangiarli? Sono pericolosi per la salute? A volte leggere la data stampata sulle confezioni non è sufficiente per rispondere.

Alcune osservazioni preliminari da fare. Sul packaging si possono trovare la data di scadenza (DDS) o il termine minimo di conservazione (TMC). Tuttavia non sono la stessa cosa ai fini del consumo di un alimento. I prodotti che superano oltre il TMC possono essere mangiati se l’imballaggio o la confezione dove sono contenuti non è stato danneggiato. Al contrario, tutti gli alimenti che hanno superato il DDS non possono essere assolutamente consumati.

Quali alimenti sono dannosi se oltrepassano la data di scadenza?

Uova data scadenza
Data di scadenza (Foto Pixabay)

La data di scadenza è obbligatoria per legge, in quanto una volta superata i prodotti possono rappresentare un rischio anche serio per la salute dei consumatori. Questo vale soprattutto per gli alimenti che sono conservati in frigorifero, in particolare carne, latte, uova, alimenti precotti, salumi. La dicitura esatta che si incontra è “da consumarsi ENTRO“, seguita dal termine della scadenza. Se il prodotto è “scaduto“, non resta altro da fare che gettarlo.

Inoltre va ricordato che gli alimenti prossimi alla scadenza non devono essere assolutamente congelati.  In quanto quel processo non garantisce la qualità organolettica e soprattutto l’integrità da elementi nocivi alla salute (tossine, muffe, batteri). Alcuni prodotti poi sono particolarmente pericolosi se ingeriti dopo la scadenza e non conservati in maniera perfetta.

Leggi anche: Questi gli elettrodomestici che fanno schizzare la bolletta

Nel dettaglio, la carne macinata si può mangiare entro due giorni successivi dalla scadenza, facendo particolare attenzione a colorazione e odore che sono indicativi dello stato di conservazione, anche quella comperata confezionata sottovuoto. Il formaggio fresco di latte di capra pastorizzato non va mangiato e a differenza di altri formaggi sicuramente gettato.

Leggi anche: Latte scaduto: cosa accade se lo si consuma comunque

Infine le uova, che possono durare oltre la data di scadenza, ma devono essere conservate scrupolosamente in luoghi freschi. Una prova empirica ma efficace è la seguente, se immerse in acqua galleggiano, sono certamente da non consumare perché potenzialmente molto pericolose per la salute.